Холодный лед придет на помощь

402
 

Ни для кого не секрет, что работать в летнюю пору в душном офисе, когда уличный термометр преодолевает отметку +30 градусов по Цельсию, становится не просто невыносимо, но и нереально. От жары плавятся не только мозги, но и все вокруг, а трудоспособность снижается практически до нуля.

Однако благодаря современным технологиям и инженерной мысли, мы имеем на вооружение такое устройство, как кондиционер (более подробно об этом чуде техники можно узнать, перейдя по ссылке nvg.com.ua/store/produkcija/kondicionery/nastennye_split_sistemy/mitsubishi_h.i./), которое всегда готово прийти на помощь в трудную минуту. Вот только с растущими темпами электропотребления и постоянно растущей цене на нее, включать на полную мощность кондиционер в часы наибольшей жары, не только крайне затратно, но еще и может привезти к поломкам в электросети из-за повышенной нагрузки на последнюю. Ведь никто не хочет умирать от жары и все включают кондиционеры в наиболее жаркие часы.

Ozon.ru

Поэтому группа американских инженеров создала новую систему для охлаждения зданий, которая не только экономит электроэнергию в часы пиковой нагрузки на сеть, но и предварительно замораживает воду в больших резервуарах ночью, когда цена и потребление электричества ниже, а в течение жаркого дня охлаждает воздух с помощью заранее подготовленного для этих целей льда:

Такая система охлаждения уже успешно используется в Нью-Йорке в Met Life Tower, площадь которого составляет 1,9 млн. квадратных метров.

Ozon.ru

Похожие статьи:

402 комментариев на «Холодный лед придет на помощь»

  1. «L’investimento della candidatura è una opportunità per tutti — ha aggiunto Adduce — per fare e crescere insieme. Ho ricevuto e apprezzato tantissime telefonate. Cito quelle dell’arcivescovo, monsignor Salvatore Ligorio, del sindaco di Roma, Ignazio Marino, del candidato presidente alla regione Puglia, Michele Emiliano, e di tanti cittadini materani e lucani che come me si sono commossi e hanno trovato nell’annuncio di ieri un nuovo motivo di unità e di lavorare per una terra che — ha concluso il sindaco — deve investire nei giovani e nelle tante risorse che ha».

  2. Per un autore pubblicare in self-publishing è una opzione oggi percorribile, così come pubblicare con un editore non è più una necessità. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il self-publishing non si basa sulla vanità: chi pubblica per vanità tende a cercare di legarsi ad un marchio editoriale, anche a pagamento (pay per publish). Il self publishing è fatto soprattutto per chi ha passione per il proprio lavoro, per chi crede che internet sia un modo fantastico per comunicare con altre persone, e per chi pensa che il mondo dell’editoria abbia tempi troppo lunghi per pubblicare un libro. A legittimare il fenomeno sono i numeri. Se guardiamo al caso italiano, in quattro anni il sito ilmiolibro — il principale sito italiano di self publishing — è stato utilizzato per produrre oltre 68.000 titoli (più dell’intera produzione editoriale italiana di un anno!). Se guardiamo solo alle novità, questanno sono oltre 5.000 i nuovi titoli pubblicati sul sito, più o meno il 15% dei nuovi libri pubblicati in Italia in un anno.

  3. MÜNCHAU CERRETELLI BIFO di Giuseppe Allegri e Roberto CiccarelliLa «governabilità» non esiste mettendo sullo stesso piano i beni comuni e la proprietà, la povertà e i sacrifici. Per questo Grillo ha sbaragliato la «sinistra radicale» e quella maggioritaria «tosco-emiliana». Oggi è necessario un reddito di base, politiche economiche espansive, un nuovo Welfare e un’Europa federale. Alcune di queste cose rientrano nell’agenda del M5S, non in quella del Pd.

  4. Più che nel risultato, la vera novità è stata la capacità di concertazione tra le due principali forze politiche che ha portato ad approvare la Costituzione, a garantire un voto democratico e infine a permettere l’alternanza al potere per via elettorale.

  5. Cè chi sostiene che lidea per una storia nasca allimprovviso, magari mentre si pensa ad altro o mentre si è affaccendati in qualsiasi impegno. In molti casi è così.

  6. A questa medesima conclusione, peraltro e paradossalmente, perviene il giudice de quo, nel momento in cui (seraficamente) rileva che limputato non aveva necessità di utilizzare lo «strumento» esplicito della minaccia. Quod demonstrandum.

  7. A causa della costruzione di una Unione sovranazionale ma fondamentalmente intergovernativa, per Sergio Cesaratto «le classi lavoratrici sono state private della possibilità di condizionare le politiche distributive nazionali, e in particolare la politica monetaria che è una caratteristica indispensabile per la sovranità nazionale. Infatti dalla politica monetaria (più o meno espansiva, ndr) dipende il potere di spesa dello Stato e la possibilità di regolare i rapporti di cambio con le altre valute… La crisi della democrazia e l’anti-politica derivano anche e soprattutto dall’impossibilità dei politici democraticamente eletti di poter seriamente affrontare i maggiori problemi dei cittadini elettori»

  8. Ed è solo in questangolo di mondo, apparentemente sottratto alle regole riconosciute e condivise del cinema, che la libertà stessa del fare cinema torna genuinamente a provocare scandalo, ossia a essere sottratta allinfluenza dei linguaggi dominanti. Scelta, questa, inutile sottolinearlo, essenzialmente pasoliniana.

  9. Pasolini, il poeta ucciso a Ostia, è lassenza. Limmagine non vista ma sempre evocata. Pasolini, il film, assume lucidamente su di sé questa assenza e la erge a fulcro sul quale far muovere tutte le figure che concorrono al gioco del sortilegio e dellincanto: rendere visibile linvisibile.

  10. Abroad, American leadership is the one constant in an uncertain world. It is America that has the capacity and the will to mobilize the world against terrorists. It is America that has rallied the world against Russian aggression, and in support of the Ukrainian peoples right to determine their own destiny. It is America — our scientists, our doctors, our know-how — that can help contain and cure the outbreak of Ebola. It is America that helped remove and destroy Syrias declared chemical weapons so that they cant pose a threat to the Syrian people or the world again. And it is America that is helping Muslim communities around the world not just in the fight against terrorism, but in the fight for opportunity, and tolerance, and a more hopeful future.

  11. Solo quando lo avrete riscritto, scoprirete una cosa meravigliosa. Che quello che avete scritto vi piace. O almeno vi appartiene. Che non è poco. Prendendoci gusto, la riscrittura diventa più divertente della scrittura. Colma lo spazio vuoto e discontinuo che c’è tra la pratica (ciò che si è scritto) e la teoria (ciò che si desidera scrivere). Mostra lo spazio dell’invenzione. L’unica cosa che distingue una semplice storia da un buon racconto.

  12. Dunque, ecco perché mi auguro che Marco Travaglio continui a difendere quei pochi minuti di verità fattuali e di giornalismo che ancora albergano nello show di Santoro, ormai indistinguibile da quelli di Vespa&Co.

  13. I tratti, le peculiarità e il talento trovano nella condivisione online nuove strade per essere apprezzati. Su ad esempio, dove abbiamo creato una . E per rendere la cosa ancora più straordinaria la bacheca è stata aperta a tutti. Dopo essersi gli autori e disegnatori che hanno qualcosa da condividere possono seguire la bacheca e verranno aggiunti alle persone che possono aggiungere contributi.

  14. She objected to «any law that uses a plaintiff’s actions (or lack thereof) to determine the defendant’s guilt» because it «necessarily places responsibility on the plaintiff to avoid being the victim of a crimethe jury tries the victim’s responsibility, rather than the defendant’s potential crime.» What would she prefer?

  15. un’imprecazione a quel mulo testardo che lo stava lasciando a piedi. La bestia diede la misura di sé con il suo poderoso peso di ferraglia e di meccanica, anziché spingersi in su cominciò a tirare indietro per la stessa inclinazione della strada.

  16. Insomma, consciamente o no, quello che fa Gianluca è usare delle tecniche narrative consolidate, tecniche intese a catturare lattenzione dellascoltatore (lettore o spettatore) e coinvolgerlo nella narrazione facendolo sentire partecipe come se fosse stato allo stadio seduto di fianco a lui.

  17. La cosa più complessa è la gestione editoriale di un blog. Un blog va alimentato con sempre nuovi contenuti. Se il blog è aperto ai commenti bisogna poi aver la voglia e la pazienza di leggere e rispondere ai lettori che intervengono. Per saperne di più sui blog è bene leggere e soprattutto, prima, visitare e capire i migliori blog letterari in circolazione. L’errore più grande è l’autoreferenzialità.

  18. Per approfondire: — ora ancheIl sinodo straordinario sulla famiglia che si è concluso il 19 ottobre con la beatificazione in piazza San Pietro di Paolo VI ha cominciato a disegnare alcuni nuovi paradigmi della Chiesa cattolica destinati probabilmente a mutarne in modo profondo aspetti relativi alla sua struttura interna e al rapporto con la modernità.

  19. Non va infatti dimenticato che Francesco, nellindicare i padri sinodali la cui nomina spetta personalmente a lui, ha scelto in gran parte ecclesiastici dal profilo nettamente conservatore. Scelta che come tante altre di Francesco si presta a più di una lettura. Lo avrà fatto per dare a tutte le componenti e le sensibilità presenti nella Chiesa la possibilità di confrontarsi in campo aperto, evitando laccusa di estromettere qualcuno dal dibattito sinodale; o piuttosto con lintenzione di frenare le spinte troppo innovative che potrebbero venire dal Sinodo e favorire una situazione di stallo?

  20. If the Commission on State Mandates determines that this act contains costs mandated by the state, reimbursement to local agencies and school districts for those costs shall be made pursuant to Part 7 (commencing with Section 17500) of Division 4 of Title 2 of the Government Code.

  21. La politica monetaria dunque è spiazzata. Resta la spesa pubblica per salvare le cose. La sincrementa fino ad assorbire la riduzione di quella privata. I finanziamenti che andavano al settore privato ora vanno a quello pubblico. Il fabbisogno finanziario dello Stato non spinge al rialzo i rendimenti delle obbligazioni, perché il settore privato non chiede più, fin tanto che deve ridurre il proprio debito, capitali al mercato. Questo punto di vista porta a una conclusione molto importante: non bisogna tentare di ridurre il deficit pubblico fino a quando non si è sicuri che leconomia torni a chiedere credito. Se si cerca di controllare prima del tempo il deficit pubblico, contando che al minor credito chiesto dal settore pubblico corrisponda automaticamente un maggior credito chiesto dal settore privato, si rischia di peggiorare le cose — proprio come è avvenuto in Giappone nel 1997 e nel 2001.

  22. Da Trail me up il «Giro d’Italia in 80 sentieri», il progetto di mappare in rete i pi?bei percorsi raggiungibili soltanto a piedi d’Italia. Si comincia dal Nord. Dalle Dolomiti a Stromboli, dal Friuli all’Etna

  23. L) Bisognerebbe calarsi in fondo al mare, e vivere soli con le proprie parole. Ma non sono del tutto sincera, perché essere messi in discussione, essere lodati e criticati è uno stimolo notevole.

  24. A cura di Alda Teodorani e Francesca Torlone, con le illustrazioni e la consulenza di Francesco Lo Storto.Seleziona i libri più interessanti, leggi online e scrivi la tua recensione.

  25. vii)Un forte impegno verso forme di unificazione politica e di partecipazione attiva dei cittadini europei alla nomina democratica dei propri rappresentanti nelle istituzioni europee non più esclusivamente su base nazionale, in maniera tale che il benessere di tutti i cittadini europei e non dei cittadini di ciascun paese membro sia posto al centro del processo decisionale in sede europea.

  26. Storiebrevi non è un concorso ma un meccanismo di selezione permanente che permetterà alle storie più belle di emergere, di essere pubblicate e lette da migliaia di persone.

  27. Il calore riservato a Putin e la minuziosità con cui è stato preparato levento chiariscono il messaggio che il Cremlino ha voluto lanciare: «la Nato può anche arrivare fino ai nostri confini e minacciare di superarli, ma noi siamo saldamente presenti — politicamente, militarmente ed economicamente — nel cuore dellEuropa, anzi lì dove da sempre lEuropa è più turbolenta e scoppiano le grandi crisi, nei Balcani».

  28. Con i soldi degli altri (Luciano Gallino); Soldi rubati (Nunzia Penelope): sono due recenti esempi di saggistica sul tema. La letteratura dinvenzione, pullula di denaro: anche quando esso non compare nei titoli, e gli esempi sono innumerevoli. Il cinema è ancor più prodigo, appunto, in fatto di soldi: ne fa circolare molti, e ne parla volentieri. Dal lontano Il colore dei soldi (Martin Scorsese, film, 1986 ) al recente Il potere dei soldi (Robert Luketic, film, 2013), e al recentissimo docufilm Come fare soldi vendendo droga (Matthew Cooke, 2014). E forse qualcuno ricorderà una canzonetta del mitico Quartetto Cetra:

  29. Scrivono per Storiebrevi: Ilaria Mavilla, Giulia Besa, Ginevra Bria, Giovanna Iorio, Paolo Lanza, Enzo Sopegno, Francesco Melozzi e tanti altri autori. Su Storiebrevi racconti sempre nuovi da gustare dove e quando vuoi

  30. Nel primo capitolo, «Le Valchirie di Obama», vengono descritte le operazioni americane di antiterrorismo portate avanti dopo lUndici Settembre in paesi contro cui gli Stati Uniti non sono formalmente in guerra. In Pakistan, Yemen e Somalia i droni hanno effettuato più di 450 attacchi, con oltre 3 mila vittime tra militanti e civili.

  31. Il primo novembre in tutta Italia, così come nel resto del mondo, sono previste manifestazioni in molte città: Milano, Torino, Brescia, Firenze, Udine, Bologna, Cagliari, Lecce, Reggio Calabria, Catania, Messina, Ragusa. A Roma un corteo partirà da piazza dell’Esquilino alle 15.30, per arrivare a piazza SS. Apostoli. Scendere in piazza il 1 novembre è il minimo che si possa fare per sostenere Koban, un’utopia che ci riguarda tutti.

  32. Anche le norme sulla qualità nellalimentazione sono prese di mira. Lindustria statunitense della carne vuole ottenere la soppressione della regola europea che vieta i polli disinfettati al cloro. Allavanguardia di questa battaglia, il gruppo Yum!, proprietario della catena di fast food Kentucky fried chicken (Kfc), può contare sulla forza durto delle organizzazioni imprenditoriali. LAssociazione nordamericana della carne protesta: LUnione autorizza soltanto luso di acqua e vapore sulle carcasse. Un altro gruppo di pressione, lIstituto americano della carne, deplora il rifiuto ingiustificato [da parte di Bruxelles] delle carni addizionate di beta-agonisti, come il cloridrato di ractopamina. La ractopamina è un medicinale utilizzato per gonfiare il tasso di carne magra di suini e bovini. A causa dei rischi per la salute degli animali e dei consumatori, è stata bandita in centosessanta paesi, tra cui gli stati membri dellUnione, la Russia e la Cina. Per la filiera statunitense del suino, tale misura di protezione costituisce una distorsione della libera concorrenza a cui il Ttip deve urgentemente porre fine. Il Consiglio nazionale dei produttori di suino (National pork producers council, Nppc) minaccia: I produttori americani di carne di suino non accetteranno altro risultato che non sia la rimozione del divieto europeo della ractopamina.

  33. Il sito laFeltrinelli.it è una realtà di primo piano nel web per la vendita di libri, dvd e cd musicali. Il sito si propone anche come aggregatore di opinioni, consigli e informazioni sui prodotti offerti, scambiate direttamente dagli utenti secondo le modalità del web.

  34. Eravamo non così lontani dal Finanzkapital descritto da Rudolf Hilferding qualche anno più tardi (1910), un implacabile mostro divoratore, che, a distanza di un secolo, Luciano Gallino ha spiegato come lessenza sconvolgente e impietosa del nostro presente, per arrivare allessenza della «civiltà del denaro». Una mega-macchina che possiede, ma non governa, il mondo, nella quale ormai il Denaro, con la maiuscola, non produce più Merci, per ottenere altro Denaro, ma produce Denaro senza Merci: la tradizionale formula di Marx D1- M D2 si è trasformata, e ridotta, alla formula binaria D1-D2, ossia produrre denaro senza produrre merci. Il capitalismo finanziario è capitalismo che si arricchisce senza distribuire benessere, il denaro che scorre nella finanza palese, è una piccola parte di quello che giace nei sotterranei della finanza ombra, sulla quale autorità nazionali e sovranazionali non hanno alcun potere di controllo; e rispetto alla quale anche gli studiosi più avvertiti possono solo fare congetture. Denaro che si riversa nei fondi di investimento, nei fondi pensione, nelle compagnie assicurative, e nelle tante varietà di hedge funds, il culmine della speculazione, con i famigerati «derivati», ai quali si sono affidati negli ultimi anni tante amministrazioni locali nel tentativo di risolvere i propri problemi di bilancio, con conseguenze spesso catastrofiche, sempre comunque negative per il pubblico, sempre lucrative per il privato. 60 trilioni di dollari (ossia 10 elevato alla diciottesima potenza: 1018, vale a dire 1000 000 000 000 000 000, una cifra a diciotto zeri) sono nelle loro casseforti. Il PIL dellintero mondo. La civiltà del denaro è in crisi, come racconta Gallino, e il capitale sopravvive squassato da crisi, come mostra David Harvey; intanto, però, «il denaro accresce la sua sfera dinfluenza, lentamente, ma inesorabilmente: tutto viene messo in vendita», anche quel che fino ad oggi ritenevamo fosse la Natura (o il Buon Dio) a donarci (Coudray, 2012).

  35. Se le parole sono importanti, per scrivere micro-narrativa lo sono ancora di più. E’ la sfida più bella. Per chi scrive. Cercare le parole, non perfette ma giuste, per raccontare un personaggio o descrivere un ambiente. Una selezione personale delle parole rende un racconto breve, anzi brevissimo, migliore di un altro. Quando per migliore si intende una storia non più bella ma una storia esatta. Come diceva Italo Calvino l’esattezza in una storia ha a che fare con «un linguaggio il più preciso possibile come lessico e come resa delle sfumature del pensiero e dellimmaginazione». Dosate e selezionate le parole. Aprite un dizionario e lavorate a partire dalla prima parola che avete trovato, anche per caso. Prendete spunto dalle parole: raccontano più cose di quello che immaginate.

  36. Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di CIR SpAHo notato che sulla necessità di dialogare con lo Stato Islamico ha suscitato altamente negative e in alcuni casi perfino offensive. Le accetto cercando di spiegare meglio ciò che intendevo, anche se sarà difficile conciliare i diversi punti di vista su questo argomento.

  37. Èquesta la più importante apertura e dinamica strutturale, al là della chiusura e stasi congiunturale su gay e divorziati. Svolta sicuramente restauratrice nel merito: non si può negare e non va edulcorato con interpretazioni dolcificanti. Ma rivoluzionaria nella forma: si deve affermare con altrettanta certezza e va rimarcato. La «democrazia» infatti, che da questa parte del Tevere prende il nome di «collegialità», si è saldamente insediata nelle sacre stanze.

  38. Incassato il duro colpo, non ha atteso molto tempo per fornire la sua risposta. Come tale va infatti considerata la grande parata organizzata, praticamente in suo onore, a Belgrado il 16 ottobre scorso in occasione dei 70 anni dalla liberazione dai tedeschi della capitale serba da parte dellArmata Rossa.

  39. La mia valutazione mi fa ritenere che si dovrebbe trovare un modo di parlare direttamente al cosiddetto califfo o ai suoi luogotenenti. In che modo? Sono sicura che chi può farlo saprà trovare i canali più giusti. D’altra parte, non si dialogava anche con i talebani fino a poco tempo fa? Qualcuno ha commentato dicendo che bisognerebbe mandarci me: ebbene io ci andrei! Con la dovuta preparazione, naturalmente.

  40. La democrazia fondata sul monopolio di professionisti a vita della politica ha infatti trasformato la sfera pubblica in sfera privata, lattività di rappresentanza in un mestiere autoreferenziale, la cui misura è il lucro personale che se ne può ricavare. In questa situazione il rapporto tra rappresentante e rappresentato si rovescia. Il «rappresentato» non si sente rappresentato affatto, sente di poter scegliere solo tra «alienazioni» più o meno complete della propria volontà. Non a caso diminuisce la partecipazione al voto, e anche quando resta alta, i cittadini dichiarano nel sondaggio del giorno dopo tutta la loro sfiducia nei confronti di chi hanno appena eletto: «Sono tutti eguali», «luno vale laltro», «bonnet blanc et blanc bonnet», fino al «tanto rubano tutti».

  41. D’ORSI di Paolo Flores d’ArcaisLa querelle tra Gianni Vattimo e Maurizio Ferraris potrebbe rivelarsi un gioco di specchi, dove ciascuno dei contendenti ha ragione nel criticare laltro ma entrambi hanno torto proprio nel nucleo filosofico che continuano a condividere. Vattimo resta disarmato di fronte ad ogni menzogna del potere, ma il «New Realism» può affrontare le antinomie filosofiche (e politiche) del nichilismo ermeneutico solo con il radicale addio ad ogni metafisica.

  42. Chi lo sostiene, promette che la disoccupazione calerà. Chi lo critica, mette in guardia: linteresse delle multinazionali scavalcherà i diritti dei cittadini e la sovranità delle loro istituzioni. Nessuno quindi può negare che laccordo di libero scambio tra Stati Uniti e Unione europea è un tema rilevante per lopinione pubblica. Eppure nellautunno 2014, a settimo round negoziale da poco concluso, con un fronte europeo contro il Ttip che si è dato appuntamento l11 ottobre (e in Italia anche il 14), il black out informativo rimane il peccato originale della trattativa che, in un verso o nellaltro, ci cambierà.

  43. Una vecchia regola, che un po arriva da Aristotele, un po dallumanesimo, e un po dalla cinematografia, dice che una buona storia è divisa in tre atti. Il primo in cui si presentano luoghi e persone mescolandoli insieme e creando le basi di una tensione. Il secondo in cui cè lesplosione del conflitto, il terzo cui spetta la risoluzione della crisi. Ovviamente, in quanto norma, può essere sfruttata o disattesa, ma la tensione data dal gioco combinatorio di una storia ne crea il movimento e quindi la capacità di catturare lattenzione di chi legge.

  44. Incassata la sconfitta, e «la cocente delusione» non nascosta dal direttore di candidatura Raffaele Parlangeli, la parola d’ordine è guardare avanti. Innanzitutto per partecipare alla corsa di Matera verso il 2019, come ha spiegato il primo cittadino: «ho parlato con in sindaco lucano Adduce già prima che fosse proclamata la vincitrice, impegnandoci a compiere un percorso comune, la vittoria di Matera ci rende comunque felici perché afferma l’esistenza di un sud diverso che merita l’attenzione che finora non ha avuto». Del resto, a confermare la volontà di proseguire un cammino fatto di impegni di intere comunità, c’è «l’intesa raggiunta ieri con il ministro Dario Franceschini — annunciata proprio da Perrone — con la quale si è deciso di superare l’iniziale idea di Italia 2019, che prevedeva la realizzazione di tutti i progetti delle venti città in corsa e realizzare solo quelli delle cinque finaliste».

  45. Buon divertimento e buona lettura!Con la nascita di Storiebrevi, poco più di un anno fa, abbiamo lanciato la nostra sfida nel mondo digitale: promuovere la narrativa in forma breve e renderla disponibile in ogni momento su smartphone e telefonini connessi a internet.

  46. In realtà, anzi, il PD non è proprio più un partito nel senso che conosciamo, almeno in Europa. E una formazione elettorale che nasce e vive alle elezioni, in cui non vi è più differenza, appunto, tra iscritto e votante. Più che un partito liquido è un comitato elettorale nelle mani di Renzi che ha realizzato il sogno di Veltroni: un partito a vocazione maggioritaria, anzi, un partito della nazione che contenga tutto ed il contrario di tutto. La militanza, in questottica, è un ovvio ostacolo; il militante crede in qualcosa, in una idea attaccata al partito, forsanche in una visione del mondo; il partito della nazione, invece, punta su un elettore usa e getta, in base alle opportunità e circostanze del momento. Se torniamo indietro di solo qualche mese, questa impostazione era già chiara: il PD prende il 41% ma perde Livorno e Perugia, segnalando il definitivo scollamento tra base ed elettorato.

  47. Julio racconta la propria disabilità come il veicolo attraverso il quale soddisfare i propri piaceri erotici: dopo l’amputazione il moncherino si è tramutato in zona erogena, il contatto diretto con la pelle provoca una sensazione di estremo piacere sessuale, il gioco erotico con l’amante ruota attorno ad un’assenza che nutre di passione. La disabilità di Julio, lontana dall’essere una «mancanza» all’interno del mondo della sessualità, si trasforma così in oggetto di desiderio sessuale che apre le porte a forme sempre nuove di erotismo: «Ho un nervo cauterizzato nel mio moncherino . . . che provoca una sensazione di immenso piacere quando lo tocco o accarezzo. Quando qualcun altro lo fa, quando un amante lo tocca, mi fa impazzire.» (Julio, «Orgasms in Our Ears»).

  48. Sebbene molti dei sopravvissuti intervistati non ricordino dettagli specifici, ci sono comunque una serie di temi ricorrenti. Uno su cinque afferma di aver provato un grande senso di serenità mentre circa un terzo ha percepito una accelerazione o un rallentamento nello scorrere del tempo. Altri reputano di aver visto una forte luce o un sole che splendeva. Mentre per certi le sensazioni erano negative, simili all’annegamento o all’essere trascinati sott’acqua. Secondo Parnia, potrebbero essere molti di più i casi di esperienze dopo la morte ma molti non le ricordano a causa dei danni al cervello o ai sedativi che sono stati somministrati.

  49. Inoltre, facciamo attenzione quando accusiamo (giustamente) lo Stato Islamico di fanatismo e di applicazione letterale della sharia. Ci sono molti paesi arabi e musulmani che applicano quelle leggi che a noi appaiono orripilanti. L, tanto per cominciare, alleato degli Stati Uniti. Un altro commento al diceva che, tutto sommato, i regimi di paesi arabi come lEgitto, la Tunisia o la Libia (se ho ben capito), riuscivano a tenere a bada il fondamentalismo islamico. Vero, ma a che prezzo? Torture e omicidi erano allordine del giorno anche lì, solo che questi non finivano su YouTube. E naturalmente non eravamo noi a essere uccisi!

  50. Scommessa interessante è stata indubbiamente quella dei liberali di Open Vld. La giovane leader Gwendolyn Rutten aveva dichiarato allindomani delle elezioni che il suo partito avrebbe partecipato al governo regionale fiammingo e a quello federale oppure a nessuno dei due. Un gioco pericoloso che poteva costare a Rutten la carriera politica. Per diverse settimane lesclusione di Open Vld appariva infatti come lopzione più probabile. Poi, a sorpresa, la N-va e il Cd&V hanno invitato in extremis Rutten a unirsi alle trattative per la formazione del nuovo governo regionale fiammingo, benché i liberali non fossero indispensabili per il raggiungimento della maggioranza.

  51. Diffondere la cultura del fumetto in rete sfruttando la potenza dei social media. Per questa realizzato insieme a Scuola internazionale di Comics abbiamo provato a rendere l’iniziativa ancora più ricca e divertente, portando autori e opere sui social.

  52. L’astensione ha stravinto e il Parlamento non può quindi dirsi effettivamente rappresentativo dei cittadini europei. Comunque, dominato com’è dall’alleanza apparentemente innaturale tra popolari, socialisti e liberali, il Parlamento è certamente ancora più a destra del precedente. In quella sede le forze della sinistra potranno fare solo una (indispensabile e preziosa) opera di testimonianza e di controinformazione. Ma è bene riconoscere che la loro influenza concreta sull’azione politica della UE sarà pari a zero.

  53. Con tutta evidenza, la Corte dAppello di Milano non è nata ieri, per cominciare a camminare oggi. Se ci è permesso, vorremmo invitare quellalto consesso di giustizia a interrogarsi sul significato della recentissima dichiarazione dellimputato che evocava, una volta di più, «luso politico della giustizia». Con lintenso auspicio che luomo non intendesse riferirsi al processo in argomento, dal quale esce (provvisoriamente) assolto nel dispositivo, ma condannato nelle motivazioni. Un individuo riconosciuto responsabile di tutto, ad eccezione delle.. imputazioni. Un individuo comodamente ignaro delletà di fanciulle compiacenti, fino alla manzoniana «notte degli imbrogli e dei sotterfugi», quando casualmente lapprende. E prima? Non è provato che la conoscesse. Rectius: nulla «è provato» di ciò che poteva/doveva determinare la conferma della condanna.

  54. 4) Scopri i talenti e fatti leggere da migliaia di persone. Quando hai finito di scrivere la tua recensione inviala con un click alla redazione di ilmiolibro.it, che si occuperà di controllarla e pubblicarla sul sito. Quando sarà online potrai condividerla con tutti i tuoi amici di facebook e twitter e inviarla via mail a tutti i tuoi contatti.

  55. Cosa rappresenta oggi Renzi? Cos’è il «suo» partito democratico? Come si può qualificare l’azione del suo governo? Dopo la grande manifestazione della Cgil a Roma e la Leopolda di Firenze, forse, a queste domande è più agevole dare una risposta.

  56. La Fondazione è stata costituita all’inzio di settembre, in concomitanza con la preparazione del secondo dossier. Venti milioni sono stati stanziati con una delibera della giunta regionale, altri 5 arrivano dal Comune di Matera. A questi, si aggiungeranno quelli di altre istituzioni e associazioni, oltre al denaro che arriverà dai privati allettati dall’occasione. E proprio su questo fronte ora si comincerà a giocare.

  57. Bisogna ricordarsi sempre, e purtroppo anche tanti poeti cosiddetti «maggiori» se lo dimenticano, che la poesia è un’arte, deve trasmettere emozioni, o comunque qualcosa che faccia vibrare i sensi, ci dia un altro punto per vedere le cose.

  58. di Guido SalviniLo scempio del corpo di Sakineh Ashtiani, con le frustate e forse presto le pietre dopo anni di supplizi, esigerà di accompagnare prima o poi le manifestazioni con cui il mondo civile cerca di salvarla con atti di coerenza e di coraggio culturale.

  59. Un tema troppo ghiotto, dopo le vicende scozzesi, per non essere raccolto, tanto che il governatore leghista Luca Zaia ha fatto sua l’idea, annunciando in questi giorni l’indizione di un «vero» referendum per l’indipendenza (consultivo e a norma di legge vigente) organizzato ufficialmente dalla Regione Veneto e alla quale i cittadini residenti possono anche contribuire con una donazione, via web, su di un conto creato ad hoc.

  60. Nel saggio «Verità e politica scrive»: «Ciò che appare ancora più inquietante [ha appena parlato della Germania di Hitler e della Russia di Stalin] è che nei paesi liberi, nella misura in cui verità di fatto sgradite vengono tollerate, esse sono spesso, consciamente o inconsciamente, trasformate in opinioni». Ma in questo modo «è in gioco la stessa realtà comune fattuale», il nostro essere-insieme, cioè il tessuto minimo e irrinunciabile di una convivenza che non sia alla mercé di pochi (i padroni-manipolatori della «verità», appunto). Da qui la conclusione, tanto perentoria quanto argomentata per pagine e pagine: «la libertà di opinione è una farsa a meno che linformazione fattuale non venga garantita e i fatti stessi siano sottratti alla disputa».

  61. Kaden Mohamed said he felt downright objectified when he returned from summer break last year, after five months of testosterone had lowered his voice, defined his arm muscles and reshaped his torso. It was attention that he had never experienced before he transitioned. But as his body changed, students he didnt even know would run their hands over his biceps. Once at the school pub, an intoxicated Wellesley woman even grabbed his crotch and that of another trans man.

  62. Le banche tedesche, che secondo gli stress test europei non hanno bisogno di capitale, nel caso del Vi avrebbero bisogno di circa 100 miliardi di euro. A loro volta le banche francesi necessiterebbero di quasi 200 miliardi euro. Le banche italiane, utilizzando allo stesso modo il Vi, avrebbero bisogno di quasi quasi 80 miliardi euro. Se si assume che il debito pubblico tedesco e il credito all’agricoltore sono un’esposizione della banca, e perciò che possono deteriorarsi, allora la crisi si potrebbe riverberare su tutto l’attivo, naturalmente con impatti diversi. Un esempio.

  63. Una delle condizioni dell’alleanza Rosso-rosso-verde è che la Linke espella i suoi membri che hanno in passato lavorato per la Stasi, il servizio segreto della Ddr (ndt).

  64. Dopo il successo di True/Slant, la novantenne rivista economica Forbes decise di acquisirlo e di mutuarne il progetto per il suo sito web facendo nascere Forbes BrandVoice. A gestire l’operazione chiamò Dvorkin: «La condizione essenziale per le aziende per non autorinchiudersi nel ghetto della pubblicità era creare contenuti interessanti per i nostri lettori, non semplici comunicati stampa. L’idea, ai tempi di True/Slant, ci venne osservando che il marchio di birra Beck’s aveva incaricato un autore comico di realizzare i contenuti del suo sito» racconta sul suo blog.

  65. Per approfondire:La copertina, rigida o morbida, con molti colori o in tinta unita, dai toni accesi o dalle tinte pastello, dalla grafica accattivante o dal font basico, è la prima cosa che vediamo e quindi accende una luce per il nostro orientamento. Naturalmente non determinerà la nostra scelta, ma segna una scrematura e determina una prima impressione e unopinione sulleditore. Ecco trucchi e segreti della scrittura della..quarta.

  66. D’altronde questa è la principale caratteristica delle multinazionali che si occupano del nostro cibo (e spesso anche delle malattie correlate, quindi dei nostri farmaci): non si sanno i nomi dei responsabili delle scelte che fanno. Se la fondazione Navdanya prende una posizione, trovare è la cosa più semplice del mondo, si fa un numero di telefono e lei risponde di sé e di quel che ha fatto o deciso. Quando invece parliamo di Monsanto, Syngenta, Bayer sembra di parlare di società anonime, non si sa chi c’è, cosa pensa, cosa vuole e che progetti ha, perché non c’è modo di associare un nome a un’azione. Questo, se ci penso bene, non mi piace affatto. Perché in generale un po’ di trasparenza e rintracciabilità, quando si parla di cibo, farebbe piacere, a tutti i livelli, etichette comprese.

  67. Fatica e sudore, quando si comincia a scrivere, sono concetti lontani da chi si cimenta per la prima volta con la narrazione. Molti scrittori alle prime armi sono persuasi che il loro primo romanzo racconterà la storia definitiva, la storia che cambierà faccia al mondo. Da tanta ambizione, spesso, nascono delle narrazioni zoppe, balbettanti. Ed è giusto così.

  68. Per tutte queste (ed altre) ragioni, la richiesta che viene da dentro e fuori la Chiesa è da tempo quella di trovare una soluzione che consenta di riammettere i divorziati risposati non nella Chiesa, dalla quale non sono mai stati allontanati, ma alleucarestia, modificando così la disciplina ecclesiastica ribadita nel 1981 dallesortazione apostolica Familiaris Consortio di Giovanni Paolo II, che definiva le nuove unioni una piaga e confermava la prassi, fondata sulla Sacra Scrittura di escluderli dal fare la comunione. La riconciliazione nel sacramento della penitenza, che aprirebbe la strada al sacramento eucaristico, continuava il pontefice può essere accordata solo a quelli che assumono limpegno di vivere in piena continenza, ovvero alle coppie di risposati che, pur vivendo sotto lo stesso tetto, rinunciano ai rapporti sessuali.

  69. (27 ottobre 2014)Avviati nel 2008, i negoziati sullaccordo di libero scambio tra Canada e Unione europea sono terminati il 18 ottobre. Un buon segnale per il governo statunitense, che spera di concludere con il Vecchio continente una partnership di questo tipo. Negoziato in segreto, tale progetto fortemente sostenuto dalle multinazionali permetterebbe loro di citare in giudizio gli stati che non si piegano alle leggi del liberismo.

  70. La prima, d’altronde comune in tutte le arti, è che prima di scrivere bisogna leggere tanta poesia e di tutti i generi, senza barriere di stili. Come per la musica, la pittura, il cinema: gli artisti più innovativi, originali e geniali sono quelli che conoscono le varie dimensioni e sfaccettature dell’espressione artistica nella quale operano, tenendosi aggiornati, avendo un’insaziabile curiosità intellettuale che spesso vuol dire anche apertura mentale.

  71. Si parla molto, in questi ultimi giorni, del rischio concreto di fallimento per il gruppo siderurgico. Pochi giorni fa, fonti di Arcelor Mittal davano ancora per certo laccordo per lacquisto dellIlva insieme al gruppo Marcegaglia, con lescamotage della creazione di una «new company» che riparta da zero e di una «bad company» alla quale accollare i debiti, il passivo, il processo, le bonifiche, insomma tutto il dramma di Taranto.

  72. Questa sorta di aureo isolamento con una punta di arroganza, purtroppo è molto diffuso. Di solito chi ragiona così si crede molto originale, ma è solo perché non conosce altro che ciò che scrive, e spesso le cose che gli escono dala penna sono infarcite di immagini abusate, di soggetti triti, dalllo sciabordìo delle onde al sorriso di un bambino al volo di gabbiani.

  73. Non sarà facile, con un programma «sangue, sudore e lacrime» come quello proposto-imposto dal Fondo Monetario Internazionale. Le elezioni decisive per il futuro dellUcraina arriveranno quando le misure anti-crisi degli europeisti cominceranno a mordere la carne viva di una società da troppi anni abituata a convivere con il binomio corruzione-assistenzialismo.

  74. È utile poi dare unocchiata agli altri campi di applicazione della scrittura: i manuali di sceneggiatura e drammaturgia per il teatro e per il cinema, di copywriting per la pubblicità.

  75. Se vi piace scrivere storie per ragazzi tenete a mente che la storia di solito si svolge in modo quasi sempre lineare in un luogo indefinito; i fatti narrati sono impossibili; il bene e il male sono nettamente divisi e c’è sempre un lieto fine (o una morale) che evoca situazioni che aiutano il giovane lettore a superare le difficoltà della crescita, dimostrandogli che è possibile affrontare le proprie paure. Usate formule standard di apertura e chiusura per immergere i lettori nel tempo senza tempo della fantasia, dilatate l’idea dello spazio e aumentate l’attesa con l’uso di ripetizioni e triplicazioni di parole come «cammina, cammina, cammina» o di episodi. Improvvisi riferimenti alla vita reale, interiezioni dei tipi più disparati, giochi di parole e vocaboli arcaici vi aiuteranno, inoltre, a intessere con il lettore/ascoltatore un rapporto il più stretto possibile, per catturare la sua attenzione e suscitare la sua meraviglia. In poche parole, per farlo sognare.

  76. Socrate nel processo risponde a tutte le domande, senza sotterfugi. Rispetta la legge e lo spirito che linforma (lidea di giustizia). Innocente, viene condannato a morte. Un discepolo gli propone la fuga. Rifiuta. Avendo insegnato la giustizia per tutta la vita, non può (non vuole) smentirsi fuggendo. E il celebre lealismo socratico verso la Città e le leggi. LApologia parla di una vicenda antica ma anche nel gioco delle analogie e delle differenze dei nostri giorni:

  77. Sono invece gli spazi invisibili ed intimi quelli a cui si rivolge la ricerca dellartista danese Marie Lund. Le sculture esposte (Goods, 2012), due forme di cemento sulla cui superficie si intravedono segni di cuciture e della trama del tessuto, sono infatti il calco dellinterno di due tasche. Lund rende in questo modo visibile uno spazio nascosto, segreto, e ne rivela, al contempo, la capienza. Non vi è in qui alcuna variazione di scala, ma un passaggio dal negativo al positivo, la materializzazione di uno spazio di cui normalmente si ignorano le dimensioni e la forma.

  78. Incominciamo dalle prime due, con una premessa: questo ragazzotto vivace e molto ambizioso è un figlio prediletto della lunga e pervicace crisi della politica che ci sovrasta dalla fine degli anni ottanta e del modello berlusconiano che, intelligentemente, l’ha interpretata e cavalcata per oltre un ventennio. Non c’è dubbio: il Cavaliere politicamente è finito, ma la sua eredità incombe, impastandosi agli effetti tossici, sul versante politico e sociale, della crisi economica ancora in atto. Di che modello si tratta? Tre, a mio avviso, i suoi principali elementi costitutivi, che, mutatis mutandi, rinnovano con Renzi la loro presenza nel sistema politico italiano:

  79. ci sono (a prezzo ridotto) i volumi, i Quaderni speciali e i Classici dal numero 3/2011 in poi. Ogni nuovo numero di Limes è scaricabile anche su iPad. Per maggiori informazioni su come scaricare e leggere Limes su iPad .

  80. Stretto nella morsa dei nuovi candidati allegemonia internazionale, con il vecchio partner europeo intrappolato nella spirale delle politiche monetariste basate sullausterità, lo stanco impero statunitense affila le unghie e adotta una nuova ambiziosa strategia per la riconquista di una nuova egemonia globale diffusa. Nasce da questa esigenza degli Usa lenorme programma di smantellamento delle residue barriere -commerciali, giuridiche, politiche- al libero commercio e alla libertà di investimento messo in campo in direzione dellEuropa, attraverso il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) e in direzione di 11 paesi che affacciano sul lato del pacifico (Messico, Canada, Cile, Perù, Giappone, Australia, Malesia, Singapore, Vietnam, Nuova Zelanda e Brunei) attraverso il TPP (Transpacific Patrnership). Lobiettivo è la creazione della più grande area di libero scambio del pianeta,che comprenderà economie per circa il 60% del prodotto interno lordo mondiale, interamente governata dalle più potenti multinazionali economiche e finanziarie, agli interessi delle quali andranno sacrificati tutti i diritti sociali e del lavoro, i beni comuni e la stessa democrazia.

  81. Il cristianesimo era nato e aveva preso forma nellebraismo della Giudea, forse addirittura nella Galilea, probabilmente in un clima segnato da movimenti escatologici e messianici, che tuttavia non erano incomprensibili né ai palestinesi ellenizzati né a quelli che conoscevano o praticavano altre religioni. Il cristianesimo si sarebbe poi diffuso anche nei ceti colti dellimpero e avrebbe sviluppato una propria cultura in latino e in greco, attingendo alla cultura ebraica, che aveva affrontato e subìto il confronto con lellenismo, ma lo aveva anche assimilato. Sia da parte pagana sia da parte cristiana risultava appropriato un confronto tra il cristianesimo e la filosofia pagana. Cerano pratiche e credenze cristiane che ai filosofi risultavano incomprensibili, mentre gli scrittori cristiani erano interessati a mostrare i punti di contatto tra cristianesimo e filosofia, per poi sostenere che, proprio in quei punti, il cristianesimo era superiore alla filosofia. E nelletica repressiva, costruita dai filosofi, i cristiani si trovavano a loro agio; anzi vi trovavano una ragione per dare un fondamento ai tabù ereditati dallebraismo, rimasti senza senso in un religione priva del legame territoriale con Gerusalemme e il suo tempio, per giunta distrutto dai romani. Già nellebraismo si era aperta la possibilità di considerare losservanza della legge e dei suoi tabù come una pratica di salvezza, ma per i cristiani la legge ebraica stava diventando sempre meno importante, mentre i filosofi offrivano un impianto in cui inserire alcuni di quei tabù senza più mantenere legami con la Terra promessa e il suo tempio o il ricordo del suo tempio.

  82. Il concorso è in pieno svolgimento,Lepidemia del virus Ebola, che la morte di oltre 4 mila persone in Africa, ha spinto organizzazioni internazionali e paesi come Usa, Cina e Cuba a intervenire direttamente per contrastarne la diffusione. Per Washington e Pechino non si tratta solo di unemergenza umanitaria.

  83. Levoluzione della transizione yemenita rimane un rebus, soprattutto perché non si conosce quale idea di Stato possano avere i ribelli del nord sul resto del paese, al di là della retorica sullimamato zaidita che regnò sullo Yemen del nord fino alla rivoluzione del 1962.

  84. Third, we will continue to draw on our substantial counterterrorism capabilities to prevent ISIL attacks. Working with our partners, we will redouble our efforts to cut off its funding; improve our intelligence; strengthen our defenses; counter its warped ideology; and stem the flow of foreign fighters into and out of the Middle East. And in two weeks, I will chair a meeting of the U.N. Security Council to further mobilize the international community around this effort.

  85. È da luglio che il governo sta spingendo per lapprovazione di nuove leggi antiterrorismo che aumentino i poteri dellintelligence, contrastino gli estremisti e obblighino gli operatori telefonici e gli internet provider a conservare i dati personali degli utenti per due anni. A inizio ottobre è stato approvato dal parlamento il che garantisce segretezza e ampia immunità ai servizi segreti e che prevede anche cinque anni di carcere per i giornalisti e gli informatori che diffondano informazioni sulle operazioni di intelligence, anche nel caso in cui la soffiata non provocasse danni al paese.

  86. È il poker del populismo postmoderno, della democrazia televisiva (e del web), nuova frontiera dell’integrazione passiva delle masse nella vita pubblica della nazione. Telecomando, tastiera e smartphone al posto dei luoghi fisici della discussione, del confronto, della socializzazione delle idee. E il voto (comprese le primarie) per consegnare una delega in bianco all’uomo della provvidenza.

  87. Un buon blog è aperto al dialogo e alla varietà dei temi letterari e non funziona se, per esempio, è solo un luogo di celebrazione di ciò che si ha scritto. Un’altra regola basilare è che chi scrive su un blog non deve solo scrivere, ma deve saper lincare, ovvero consigliare e suggerire ai lettori siti e post scritti da altri sul web: il web è una rete di contenuti collegati tra loro! Come sempre, il consiglio migliore è quello di leggere, leggere, leggere. Magari partendo dai blog letterari presenti in Rete.

  88. Nella fuga, il rapinatore con le mani sporche del sangue della ragazza ha lasciato alcune tracce sul pulsante per l’apertura del portone. Ma ad incastrarlo sarebbero le immagini delle telecamere esterne di altri condomini della zona: nei filmati acquisiti si vede l’uomo passare più volte in via Monte di Dio alla ricerca di una vittima. Nel pomeriggio di mercoledì, le forze dell’ordine hanno fermato per rapina aggravata, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale un 25enne pregiudicato della zona riconosciuto dalla vittima.

  89. Abbiamo realizzato un sogno, ha detto Squinzi mentre lavoratori e precari vivono nell’incubo. Un governo così sfacciatamente filopadronale non poteva che nascere da una operazione culturale e politica che si accampasse e giustificasse nel Pd. Il governo Renzi riassume trenta anni di politiche liberiste contro il lavoro e le conduce al punto estremo. E proprio per questo rende palese la doppia contraddizione della Cgil. La prima e più evidente è che il rapporto del primo sindacato italiano con il Pd sta diventando sempre più insostenibile, ma allo stesso tempo resta inscindibile. La Cgil, i suoi gruppi dirigenti hanno sinora avuto il Pd come referente istituzionale fondamentale, rompere con esso significherebbe praticare un mare aperto nelle relazioni politiche che fa paura. Questa contraddizione rischia di essere fotografata dalla presenza al corteo della Cgil di quegli esponenti del Pd critici con Renzi, ma poi disciplinati nel votare la legge sul lavoro.

  90. Oggi si fa pagare caro il cosiddetto cibo biologico dando garanzie del fatto che sarebbe senza Ogm. Non mi pare onesto. Nessun italiano può aver certezza di aver mai mangiato, che so, un salame biologico proveniente da animali non alimentati con Ogm, né questa sicurezza ci sarà fino almeno al 2018 e forse oltre (come risulta dal Regolamento 836/2014 della CE, che rinnova l’ennesima deroga per i mangimi di polli e maiali biologici). Non mi interessa discutere se un mangime privo di Ogm sia meglio o peggio, anche se mi incuriosirebbe un esperimento per stabilire se qualcuno noterà mai una differenza nella «tipicità italiana» del salame ottenuto da animali nutriti con uno dei due mangimi. Mi preme discutere come stanno davvero le cose. Di quel che si può dimostrare. Non so che farci se sono una scienziata, ma il mio primo dovere è dire sempre e solo cosa è provato oggi, al meglio delle nostre conoscenze. Per contro chiedo altrettanto. Non opinioni.

  91. Una micro-narrazione deve coinvolgere soprattutto l’aspetto emotivo della lettura. Non deve insegnare o fare la morale. Deve smuovere qualcosa dentro in breve tempo e breve spazio. Deve essere un arcobaleno che spunta davanti agli occhi e rimane nella testa per sempre.

  92. ilmioesordio è il luogo in cui vivere la cultura della poesia in rete. Per questo motivo insieme alla redazione del Festival di Poesia abbiamo creato uno spazio in cui gli autori e gli appassionati possono trovare strumenti, idee, suggestioni utili per apprezzare in pieno l’arte della poesia. Abbiamo iniziato lo scorso anno con un Corso, . Per questa edizione abbiamo lanciato invece una nuova rubrica a cura di Claudio Pozzani, direttore artistico del Festival. In verranno affrontati temi riguardanti la scrittura e la lettura delle opere in versi, ma sarà soprattutto una sfida culturale per portare la poesia nel mondo digitale con vitalità e freschezza.

  93. Del nuovo califfato si è fatto lennesimo avversario numero uno. Creare un acerrimo nemico da combattere e sconfiggere è una caratteristica tutta statunitense che pare sia stata esportata nel resto dell’Occidente (e non solo) insieme alla Coca Cola e ai jeans. Prima c’erano i selvaggi (indiani, africani o popoli colonizzati in generale) da redimere e civilizzare; poi sono arrivati i comunisti; infine i fondamentalisti islamici, di cui il califfato di al-Baghdadi è l’ultima versione.

  94. «La cosa più importante è divertire la gente, seguire il viaggio emotivo dei personaggi. Ci sono tanti passaggi complicati nel film, alcune delle cose di cui parliamo non le capisco nemmeno io, abbiamo avuto bravissimi consulenti e cercato di essere più vicini possibile alla realtà astrofisica, ma alla fine quello che conta è divertire. Lasciare il pubblico confuso era un rischio. Ma penso che se coinvolgi la gente emotivamente ci sono più probabilità che segua l’arco della storia, mentre se punti tutto sul livello intellettivo la perdi. Un padre che deve lasciare i figli conferisce l’aspetto emotivo».

  95. In questo contesto un leader politico ottenne la nomina a Presidente del Consiglio, con una procedura extraparlamentare (che si svolse attraverso una sorta di primarie del manganello), promettendo un rinnovamento totale che avrebbe pacificato ogni conflitto e consolidato lunità e la forza della Nazione italiana.

  96. Anche Usa, e stanno sperimentando dei farmaci per curare il virus. La statunitense Mapp Biopharmaceutical Inc. il siero ZMapp, che è stato somministrato a Kent Brantly e Nancy Writebol, i due missionari americani malati di Ebola, di cui è stata annunciata la completa guarigione. Tuttavia, non è chiaro se sia avvenuta grazie a ZMapp.

  97. (9 ottobre 2014)Nel Rojava da mesi i curdi resistono valorosamente allavanzata dell’ISIS. Ma per lOccidente i combattenti sono alleati compiacenti solo se compatibili alle strategie delle grandi potenze; rimangono «terroristi» quando osano parlare di autonomia democratica della Regione e autorganizzazione della popolazione. Il 1 novembre, in Italia e nel mondo, una giornata di mobilitazione in sostegno di Kobané.

  98. La politica di Giovanni XXIII era stata abbandonata, ma sulla questione delle donne papa Bergoglio poteva richiamarsi a posizioni uniformi da Roncalli a Wojty?a: infatti poteva evocare Paolo VI, il quale, alla chiusura del Concilio Vaticano II, aveva rivendicato alla Chiesa lorgoglio di aver glorificato e liberato le donne e di aver fatto valere la loro fondamentale uguaglianza con luomo, pur nella diversità dei caratteri. Ma aveva aggiunto che si avvicinava lora, di fatto era già arrivata, per la piena realizzazione della vocazione della donna, lora in cui la donna acquista nel mondo uninfluenza, unefficacia e un potere mai finora raggiunto. Tuttavia aggiungeva le donne hanno sempre avuto come loro compito la protezione della casa e sono presenti nel mistero dellinizio della vita [..] offrono consolazione nel distacco della morte.

  99. Lennesima pagliacciata argomentativa a fronte di una calamità seriale che accumula ormai una cinquantina di morti da ritorcere su se stessa, se solo ci si ricordasse che il vice del presunto inadempiente sindaco Sansa si chiamava Claudio Montaldo. Lo stesso Montaldo che ora siede da vice governatore nella giunta Burlando (oltre che quale potente assessore alla salute)! Ma questo è il Nostro. Il più classico esemplare di quella nomenklatura PC che abbracciò con entusiasmo il messaggio dellopportunismo blairiano (incarnato da quel Tony Blair a cui secondo lo storico Judt non piacevano tanto «le privatizzazioni thatcheriane» quanto piuttosto ambiva a essere cooptato «dai ricchi»); il più tipico esponente di quella che si potrebbe definire la «Terza Generazione» politica italiana.

  100. La strategia evidente è quella di cavalcare la dilagante insicurezza socio-economica, oltrechè la diffusa opposizione all’Euro e alla Unione Europea, mettendo insieme il razzismo gretto e volgare, tipico del Carroccio, con il modello di società propagandato, con successo, dal primo rabbioso Front National di Jean-Marie Le Pen.

  101. Questo è il punto di vista delle autorità europee, per le quali gli investimenti e i crediti sono pesati per il rischio — il metodo del Risk-Weighted Assets (Rwa). Non è però di analizzare le cose. Si ha anche quello del Volatility Institute (Vi) della New York University, che ha presentato i risultati della sua ricerca sul rischio sistemico, assumendo che il rischio non sia solo quello definito dai regolatori europei.

  102. La UE germanizzata è ormai lontana da quella preconizzata dai padri fondatori e ha abbandonato ogni prospettiva di cooperazione e di benessere sociale. Purtroppo l’Unione Europea è ormai fondata non sugli ideali e sui diritti ma sulla moneta unica. L’integrazione europea ha come obiettivo ufficiale quello di aumentare la competitività del vecchio continente a favore della grande finanza e della grande industria privata, contro gli interessi delle piccole e medie aziende e del lavoro.

  103. Pasolini vede la luce quando il cinema ferrariano ha raggiunto ormai un grado di libertà formale talmente radicale da rendere lontanissimo il ricordo delle luci stilizzate di Bojan Bazelli e di film come China Girl, King of New York o Ultracorpi Linvasione.

  104. Tante telefonate di congratulazioni per una investitura importante che riempie di orgoglio la Città dei Sassi, la Basilicata, il Mezzogiorno. Mmessaggi, contatti dai social dai quattro angoli del pianeta e primi contatti di «grandi gruppi imprenditoriali» che intendono investire nel brand «Matera capitale europea della cultura per il 2019». Questa la mattinata «intensa e piena di soddisfazione» del sindaco, già proiettato nel concretizzare con la programmazione dovuta i contenuti e gli obiettivi del dossier di candidatura.

  105. «Nel romanzo di Ilaria», ha dichiarato il direttore letterario di Feltrinelli Alberto Rollo, «ci ha convinto lo scatto creativo che assembla nell’unità di tempo di una giornata personaggi e vicende di un mondo pasolinianamente percorso da una profonda ‘disperata vitalità’ «.di Paolo Flores d’ArcaisUn governo ombra Rodotà sarebbe la migliore risposta possibile al deprecabile «voltar gabbana» del Pd, che ha ingiuriosamente stracciato la parola data agli elettori e tradito la loro inequivoca contrarietà a un accordo con il Caimano.

  106. Le politiche fiscali nell’Eurozona possono essere lasche, ossia in deficit sopra il vincolo di Maastricht del 3%, solo per il tempo necessario ad aiutare la ripresa (la famosa «flessibilità»). Ad ogni modo, la tendenza di lungo termine del bilancio pubblico deve essere nella direzione del pareggio. Questo perché il debito deve tendere a soddisfare il secondo vincolo di Maastricht — quello del rapporto debito/pil entro il 60%. La riduzione del peso del debito sul pil si ottiene non emettendo più debito, e con il la crescita economica. Ossia, con il numeratore che è fermo e con il denominatore che varia.

  107. «Quando protestiamo dentro i campus uniamo le forze, ma se si va allesterno delle università allora ogni gruppo agisce per conto proprio», riferisce Mahmoud, uno studente di al-Azhar e membro del partito Libertà e Giustizia, espressione politica dei Fratelli Musulmani inserita dal dicembre 2013 nella lista delle delle organizzazioni terroristiche dalle autorità egiziane, seguite da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. «Il problema con i gruppi secolari allinterno delle università è la loro contrarietà al ritorno di Morsi. Per me, invece, Morsi dovrebbe tornare al suo posto e poi indire un referendum per capire se continuare oppure no».

  108. La maggior parte del commercio avviene appunto tramite Dubai, dove risiedono circa 400 mila iraniani e operano allincirca 8 mila aziende facenti capo a Teheran, di cui ben 1.200 nel commercio via mare. Gran parte di queste aziende ha radicato il proprio business a Dubai per via dellalto standard delle infrastrutture e dellefficienza nel sistema dei servizi, in particolare bancari e finanziari.

  109. «È stato un gesto bellissimo. Avrei voluto partecipare ma avevo paura. Quel giorno ho ricevuto dieci mail di minaccia. Mi hanno scritto che ci avrebbero sparato o deturpato con il vetriolo, che ci volevano morte. Tanto odio mi ha spaventato e sono rimasta a casa».Provincia*: Scegli AGRIGENTO ALESSANDRIA ANCONA AOSTA AREZZO ASCOLI PICENO ASTI AVELLINO BARI BARLETTA-ANDRIA-TRANI BELLUNO BENEVENTO BERGAMO BIELLA BOLOGNA BOLZANO BRESCIA BRINDISI CAGLIARI CALTANISSETTA CAMPOBASSO CARBONIA-IGLESIAS CASERTA CATANIA CATANZARO CHIETI COMO COSENZA CREMONA CROTONE CUNEO ENNA FERMO FERRARA FIRENZE FOGGIA FORLI’-CESENA FROSINONE GENOVA GORIZIA GROSSETO IMPERIA ISERNIA L’AQUILA LA SPEZIA LATINA LECCE LECCO LIVORNO LODI LUCCA MACERATA MANTOVA MASSA-CARRARA MATERA MEDIO CAMPIDANO MESSINA MILANO MODENA MONZA E DELLA BRIANZA NAPOLI NOVARA NUORO OGLIASTRA OLBIA-TEMPIO ORISTANO PADOVA PALERMO PARMA PAVIA PERUGIA PESARO E URBINO PESCARA PIACENZA PISA PISTOIA PORDENONE POTENZA PRATO RAGUSA RAVENNA REGGIO CALABRIA REGGIO EMILIA RIETI RIMINI ROMA ROVIGO SALERNO SASSARI SAVONA SIENA SIRACUSA SONDRIO TARANTO TERAMO TERNI TORINO TRAPANI TRENTO TREVISO TRIESTE UDINE VARESE VENEZIA VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI VERONA VIBO VALENTIA VICENZA VITERBO Città*: Indirizzo: Tipo di abitazione: scegli condominio villa bi-quadrifamiliare villa monofamiliare Altro… Oradio del disservizio*: scegli 00.00-02.00 02.00-07.00 07.00-09.00 09.00-12.00 12.00-15.00 15.00-18.00 18.00-20.30 20.30-22.30 22.30-00.00 tutto il giorno Altro… Specificare il problema*: Se sei un appassionato di tecnologia e conosci anche le informazioni che seguono, compilandole ci aiuterai a identificare con maggiore precisione il problema, così potremo fornirti la soluzione più adatta alle tue esigenze Antenna centralizzata: Si No Orientamento antenna: Tipo di centralina TV: scegli banda larga filtri canalizzata Altro… Tutela della privacy: La informiamo, ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (recante il «Codice in materia di protezione dei dati personali» nel prosieguo, per brevità, il «Codice»), che i dati personali forniti in sede di segnalazione problemi saranno raccolti e registrati da Rete A S.p.A. — quale Titolare del trattamento — su supporti cartacei, elettronici e/o informatici e/o telematici protetti e trattati con modalità idonee a garantire la sicurezza e la riservatezza nel rispetto delle disposizioni del Codice. La informiamo che i dati fornitici verranno utilizzati per finalità strettamente connesse e strumentali all’analisi e soluzione dei problemi segnalati. A tal fine i suoi dati potranno essere comunicati a dipendenti e collaboratori di ReteA S.p.A. e/o collegate e/o alla controllante (di seguito, le «Società del Gruppo Espresso»). Il conferimento dei dati personali è indispensabile per la corretta individuazione della natura del problema esposto e per l’eventuale trasmissione delle informazioni richieste. La informiamo che potrà esercitare i diritti previsti dall’art. 7 e seg. del d.lgs. n. 196/2003 (tra cui, a mero titolo esemplificativo, i diritti di ottenere la conferma dell’esistenza di dati che la riguardano e la loro comunicazione in forma intelligibile, la indicazione dell’origine dei dati, delle finalità e modalità di trattamento, l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati personali trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, al relativo utilizzo) mediante richiesta rivolta senza formalità al Titolare del trattamento dei dati. Titolare del trattamento dei dati è Rete A S.p.A. con sede legale in Milano Via Massena n.2. L’elenco aggiornato recante i nominativi dei Responsabili del trattamento dei dati, delle Società del Gruppo Espresso e delle altre società terze a cui potranno essere comunicati i suoi dati è conservato presso gli uffici della predetta sede legale. ****** Ai sensi degli articoli 13 e 23 del d.lgs.196/2003, dichiaro di aver preso atto dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati e liberamente acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte del Titolare per le finalità specificate nell’informativa. Accetto il trattamento dei dati personali secondo il D.Lgs n. 196/2003 per le finalità del presente strumentoUn blitz, appunto, che mette sotto chiave indennità da 8.500 euro al mese, le più robuste nella giungla delle retribuzioni di chi ogni mese attende un trasferimento da parte della Regione siciliana. La norma, firmata dai deputati questori Paolo Ruggirello, Franco Rinaldi e Antonino Oddo, consiste in tre righe di difficile comprensione immediata: in sostanza, inserisce il contributo annuale per l’Ars (149 milioni di euro) fra le spese obbligatorie dell’amministrazione regionale, al pari di quelle che ad esempio — garantiscono lo stipendio dei dipendenti degli assessorati. Nello stesso elenco prioritario non figurano quelle categorie che pure battono cassa un giorno sì e l’altro pure (i sindaci hanno azzerato i servizi sociali) o protestano proprio perché, in alcuni casi, non vedono lo stipendio anche da un anno (gli operatori della formazione professionale). È la casta che si autotutela, urlano loro, gli svantaggiati, in una terra che segna livelli di disoccupazione da record (quella giovanile ha raggiunto il 60 per cento) e dove il commissario dello Stato, solo qualche giorno fa, ha segnalato un nuovo buco da 66 milioni nel bilancio della Regione che ha costretto il governo Crocetta ad accendere un nuovo mutuo.

  110. Il messaggio del Commissario è che l’Europa non può continuare a comportarsi come nel recente passato, accumulando cioè ritardi nei pagamenti che si riversano sugli anni successivi. Per chiudere l’intervento, il Commissario descrive con un’immagine colorita la situazione: «Immaginate una grande casa abitata da 500 milioni di persone, il cui tetto è costituito dal bilancio Ue: quel tetto ha perso per anni a causa del sotto-finanziamento e il ruolo della Commissione è stato quello di correre da una stanza all’altra, secchi in mano, per raccogliere l’acqua. Dobbiamo urgentemente risolvere il problema del tetto, sigillarlo e investire in esso. L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è di qualcuno che dica: ‘Ma dove è il problema, ci sono ancora secchi vuoti da usare».

  111. Nel 1957, la casa editrice si fece conoscere in tutto il mondo grazie a un romanzo, Il Dottor ?vago di Boris Pasternàk, che fu il primo bestseller internazionale uscito dallItalia nella storia delleditoria. Ledizione italiana era la prima in assoluto, poiché lopera era stata censurata in Urss.

  112. GIULIETTIdi Sergio CesarattoL’euforia dei mercati seguita al vertice di Bruxelles durerà poco. Mentre i commenti dei politicanti italiani sono improntati alla solita superficialità. Monti grida vittoria perché ha evitato lesplosione degli spread lunedì e luscita del paese dalleuro. Ma abbiamo solo guadagnato un po’ di tempo: nessun nodo è stato sciolto.

  113. Troppo spesso, tuttavia, lo scrivere poesia è visto come una sorta di autoanalisi o mera dimostrazione di un’eventuale sensibilità, con versi simili a pensierini che sono magari molto importanti per chi li ha scritti, ma che hanno scarso o nullo valore poetico e artistico.

  114. Era un primo embrione di quello che ora è diventato un must nel panorama della pubblicità sul web: il native advertising. Con il crollo dei clic sui banner on line (l’ultimo dato Usa segnala che il 99,8% della adv on line viene bellamente ignorata), per le aziende sta diventando sempre più fondamentale comunicare con il pubblico senza farlo uscire dal flusso del suo interesse informativo. Applicando il principio alla geografia delle pagine web, ecco i contenuti commerciali spostarsi da destra, o dall’esterno, verso il centro dei siti. Nella timeline di Facebook sono così apparsi i post sponsorizzati, lo stesso accade con i tweet e sta iniziando a succedere anche nei portali di informazione.

  115. Un governo nuovo per più di una ragione. Con larrivo di Michel al numero 16 di rue de la Loi (Wetstraat, per i neerlandofoni alla lettura), la residenza ufficiale del primo ministro belga, si compie un passaggio di consegne generazionale che ha fatto parlare di «carica dei quarantenni». Michel ha 38 anni anche se ha respirato politica fin da bambino. Il padre, Louis Michel, è infatti uno dei grandi vecchi del liberalismo belga, più volte ministro e commissario nella prima eurocommissione Barroso.

  116. Nel frattempo, dallaltra parte dellAtlantico, gli industriali raggruppati in BusinessEurope, denunciano le barriere che colpiscono le esportazioni europee verso gli Stati uniti, come la legge americana sulla sicurezza alimentare. Dal 2011, essa autorizza infatti i servizi di controllo a ritirare dal mercato i prodotti dimportazione contaminati. Anche in questo caso, i negoziatori del Ttip sono pregati di fare tabula rasa. Si ripete lo stesso con i gas a effetto serra. Lorganizzazione Airlines for America (A4A), braccio armato dei trasportatori aerei statunitensi, ha steso una lista di regolamenti inutili che portano un pregiudizio considerevole alla [loro] industria e che il Ttip, ovviamente, ha la missione di cancellare. Al primo posto di questa lista compare il sistema europeo di scambio di quote di emissioni, che obbliga le compagnie aeree a pagare per il loro inquinamento a carbone. Bruxelles ha provvisoriamente sospeso questo programma; A4A esige la sua soppressione definitiva in nome del progresso.

  117. Nel nostro paese vige invece una giustizia ‘ingiusta’, forte con i deboli e debole con i forti, in cui chi ha santi in paradiso ha la sostanziale garanzia di farla franca, e chi non può permettersi costose difese rischia di non vedere garantiti i propri diritti. Un ‘garantismo’ all’italiana, a cui orgogliosamente MicroMega oppone un intransigente giustizialismo, ossia la rigorosa osservanza del principio che campeggia in tutte le aule dei tribunali: la legge è uguale per tutti.

  118. Il non-ragionamento diventa una seconda natura per il politico ma anche per lelettore. Questultimo, anzi, nel disprezzo del politico per i fatti e la logica subisce il fascino della «volontà di potenza». Disprezzo che, acclamato anziché smascherato, tracima in «delirio di onnipotenza» per il politico, voluttà di sottomissione per lex-cittadino.

  119. Sul piano geopolitico, il rapido intervento di Usa e Cina nel contrastare lepidemia lascia intravedere interessi che vanno oltre lemergenza in questione.

  120. Maurizio Stefanini, giornalista professionista e saggista. Free lance, collabora con Il Foglio, Libero, Limes, Longitude, Agi Energia. Specialista in politica comparata, processi di transizione alla democrazia, problemi del Terzo Mondo, in particolare dellAmerica Latina, e rievocazioni storiche.Durante il percorso, realizzato grazie alla Scuola Internazionale di Comics, scoprirete come nasce un Fumetto, come ideare e creare una storia tramite il soggetto e la sceneggiatura, come realizzare lo storyboard e i bozzetti preparatori.

  121. Inoltre, in questa regione, è stato organizzato il primo «Referendum per l’Indipendenza», una consultazione web autogestita, vinta ovviamente in modo schiacciante dai Serenissimi, che, al di là dei numeri trionfalistici degli organizzatori, ha avuto un significato politico importante, come sottolineato anche dal sociologo Ilvo Diamanti.

  122. Tutto il PD, compresa la minoranza salvo singole eccezioni, turandosi il naso ha votato la fiducia al governo Renzi. La sinistra invece ha votato contro il governo, ma tace sull’Europa. Tuttavia l’attacco frontale di Matteo Renzi al Senato eletto dai cittadini, all’articolo 18, allo Statuto dei Lavoratori, al sindacato e all’opposizione non è altro che l’omaggio del suo governo alle politiche imposte dalla destra europea. Nonostante le richieste e le proteste verbali di Renzi, la UE si è infatti dimostrata inflessibile nelle sue politiche liberiste e ha praticamente obbligato il premier/segretario del PD a attaccare apertamente lavoro e welfare, e a modificare la Costituzione,.

  123. L’ostacolo politico principale rimane al-Asad. La Turchia è impegnata da anni in prima linea nel sostegno alla ribellione anti-regime. Una soluzione che non prevedesse un cambio al vertice in Siria, o addirittura che aiutasse Damasco a eliminare gli oppositori, condannerebbe la Turchia a pagarne il prezzo negli anni futuri.

  124. A meno che gli obiettivi non fossero diversi da quelli dichiarati, nel qual caso gli esiti odierni possono forse piacere ad alcuni, nonostante tutto. A chi piace lEuropa così come è oggi? Chi ci ha guadagnato da quando è in vigore la moneta unica? Poiché è un dato di fatto che le distanze fra pochissimi ricchi e moltissimi poveri sono aumentate negli ultimi decenni, anche in Europa, è ovvio e anche urgente che si diano delle risposte chiare a questi interrogativi, e che si agisca poi di conseguenza procedendo con accurate politiche redistributive a bilanciare i redditi e a compensare gli enormi squilibri che si sono prodotti.

  125. Il terzo capitolo, «I droni sognano pecore elettriche?», affronta l’analisi tecnica dei due aerei-simbolo, il Predator e il Reaper, spiegando come funzionano, perché essi siano diventati imprescindibili, nonché i loro limiti.

  126. La sinistra ha paura di discutere di sovranità monetaria: ma è chiaro che senza moneta nazionale non c’è sovranità politica né tanto meno sovranità democratica. Non si può rifondare nessuna Europa della cooperazione schiacciando le economie e le democrazie nazionali. Eppure esistono già proposte da discutere per tentare di recuperare almeno parzialmente forme di sovranità monetaria. Esistono progetti di «moneta fiscale» e di moneta comune (non unica!) europea. Ma sono sottovalutati o ignorati. Sinistra svegliati: il tetto crolla e l’intera casa europea sta andando in rovina!

  127. Negli ultimi 30 anni, le perdite economiche legate alle catastrofi naturali sono aumentate drasticamente nei Paesi sviluppati, creando gravi problemi a governi, imprese ed individui. Come rivelato da un sondaggio del su 330 compagnie assicurative, queste coprono meno di un terzo delle perdite legate ai disastri del clima, aumentando così «sul lungo periodo i rischi per le istituzioni pubbliche e le popolazioni locali, e riducendo la resilienza delle comunità, che sono meno in grado di finanziare i recuperi post-disastro».

  128. Our technology companies and universities are unmatched. Our manufacturing and auto industries are thriving. Energy independence is closer than its been in decades. For all the work that remains, our businesses are in the longest uninterrupted stretch of job creation in our history. Despite all the divisions and discord within our democracy, I see the grit and determination and common goodness of the American people every single day — and that makes me more confident than ever about our countrys future.

  129. Quando la legalità diventa una posta in gioco, anziché bene comune di tutte le forze politiche, la liberaldemocrazia è già in estinzione. È quanto sta avvenendo in Italia da oltre una generazione. Dove siamo allemergenza legalità, visto che lestablishment vuole revocare questo principio di civiltà. Senza ripristinare il quale, però, non cè possibilità di ripresa economica, di sviluppo, di modernizzazione ed efficienza: di cambiare verso.

  130. Lopposizione al padre-padrone del Burkina Faso aveva lanciato una cosiddetta «primavera nera» sulla falsariga delle primavere arabe, ma a causa di fratture interne i partiti politici che si oppongono a Compaoré non sono riusciti a prendere il controllo della situazione; le redini della situazione sono in mano ai militari.

  131. L’euro-marco è una moneta strutturalmente rigida, una moneta straniera sostanzialmente insostenibile, una trappola che provoca crisi e instabilità non solo perché non può adattarsi alle differenti esigenze dei singoli paesi ma perché è nata per restare inesorabilmente deflattiva. Tutti nel mondo discutono apertamente della crisi dell’euro, da Le Monde al Financial Times, e molti parlano di un possibile crollo, ma perfino un giornale intelligente e aperto, sempre «dalla parte del torto» come il Manifesto finora ha praticamente taciuto.

  132. Berlusconi ha invece saputo intercettare londata di «antipolitica» che per-corre la società, e presentarsi come lalternativa ai politici di professione, mentre fin qui nessuno a sinistra ha saputo fare altrettanto. Anzi, a sinistra si è continuato a condannare il sentimento crescente di indignazione e rabbia nei confronti del ceto politico come manifestazione di qualunquismo. Eppure, il disprezzo che colpisce la «casta» è ambivalente, può assumere i tratti delle sirene per luomo forte e per un governo autoritario, ma oggi esprime più spesso la volontà di una politica radicalmente più democratica, vicina ai cittadini e da essi controllata. La pigrizia giornalistica la definisce «antipolitica», ma semmai è antipartitocrazia e chiede «più politica», e la sua restituzione ai cittadini.

  133. Il clima attuale rischia inoltre di peggiorare la situazione. Le retate e laccento sullaumentato rischio terrorismo hanno infatti destato risentimento e un po di paura nellintera comunità musulmana. Alcuni centri islamici hanno accusato la polizia di intimidire i loro membri, diverse moschee sono state vittime di atti di vandalismo o di minacce. Sono stati denunciati insulti o episodi di razzismo: a Sydney una mamma e il suo bambino si sono visti sputare addosso, a Perth un uomo ha cercato di strappare il velo dalla testa di una donna. Nelle ultime settimane sui media del paese è comparsa più volte la polemica sul velo integrale che — secondo il senatore liberale Cory Bernardi — non dovrebbe essere permesso in Australia.

  134. Nella nostra rappresentazione del nuovo brand islamista pecchiamo, ancora una volta, di etnocentrismo. L’immaginario occidentale non sembra lasciare spazio ad alcuna entità politica che non ricalchi il nostro Stato-nazione, per quanto ormai le sue condizioni di salute non siano delle migliori.

  135. Ma è noto che le descrizioni convenzionali possono essere ingannevoli. Sulla carta, la costituzione staliniana dellUrss del 1936 era la più democratica che si fosse mai vista sullintero orbe terracqueo. E senza arrivare a questo abisso di «scarto» tra forma e realtà, la politologia di ogni tendenza sa che la parola pluripartitismo può esprimere (o nascondere) le realtà più diverse, poiché fondamentali sono le condizioni di sfondo nelle quali il voto si svolge, quelli che vengono definiti i presupposti materiali o socio-culturali della democrazia. In un paese dominato dal narcotraffico e dal controllo violento delle sue bande sul territorio, non cè voto formalmente segreto che garantisca davvero la libera scelta del cittadino. Libera scelta che, per potersi esercitare, implica anche un livello minimo di informazioni vere, sui fatti e sui candidati. Il principio «una testa, un voto» stabilisce la tecnica per lesercizio dellautonomia di ciascuno, ma sono necessari contesti preliminari di legalità e sicurezza, diritti politici eguali, informazione, senza le quali il voto libero tende asintoticamente verso la chimera.

  136. Nonostante questa importante apertura, l’atteggiamento dell’opposizione nei suoi confronti non è mutato. Il leader dell’Umma party Sadiq al Mahdi, pur di favorirne l’uscita di scena, ha proposto al National congress party un ‘ritiro sicuro’ per il presidente in carica nel caso rivedesse la decisione di ricandidarsi.

  137. Prima del nuovo anno universitario, era trapelata lindiscrezione secondo cui le forze di polizia sarebbero state dispiegate sin dal primo giorno allinterno dei campus, subito smentita dal primo ministro Ibrahim Mehleb. Tuttavia, approvata lunedì 27 ottobre, che consentirà all’esercito di assistere la polizia per garantire la sicurezza degli edifici pubblici, e che potrebbe essere usata anche per le università, non placa lo scetticismo del mondo accademico e studentesco.

  138. A quel punto a ciascuno di noi verrà naturale divertirsi a fare retweet a qualche poesia e qualche poeta, e tutto questo dovrebbe generare una ondata di retweet che sia una una bella festa di suoni e di ritmi in grado di incuriosire e divertire chi partecipa al concorso, e non solo.

  139. Da lunedì, dunque, tutti di nuovo al lavoro. Mettendo da parte qualche piccola polemica nata venerdì sera dopo la diffusione della notizia che Lecce non aveva ottenuto neanche uno dei tredici voti assegnati dai giurati: «Matera non ha avuto unanimità di voti — ha chiarito il sindaco di Lecce — e durante la votazione era stato raggiunto l’accordo di procedere a scrutinio segreto ed effettuare un eventuale ballottaggio in caso di parità. Così non è stato ma si è deciso anche di non rendere noti i voti delle altre finaliste. Uscendo, però, un commissario mi ha detto il Sud ne esce alla grande, a dimostrazione che anche Lecce si è comportato onorevolmente con i tre voti conquistati». Da li, adesso, Lecce è pronta a ripartire.

  140. Le cose cominceranno a cambiare solo negli anni settanta, per un convergere di motivi che qui è impossibile affrontare (ma a cui non è estranea l «onda lunga» del movimento egualitario del sessantotto). Alcuni pretori (definiti subito polemicamente «pretori dassalto» dal giornalismo conservatore) cominciano a indagare su scandali che vedono coinvolti in rapporti di corruzione grandi gruppi industriali e personalità di governo. Ma in genere le indagini vengono poi trasferite a Roma (tecnicamente: avocate), dove la procura è chiamata «il porto delle nebbie» proprio per la sistematicità con cui insabbia i procedimenti. Però negli anni ottanta sono sempre più numerosi i magistrati che non temono di indagare i potenti, fino alla famosa inchiesta «mani pulite» del 1992. Nasce da un caso di piccola corruzione (ma odiosa: riguarda lospizio per i vecchi di Milano, una istituzione «fiore allocchiello» della città che risaliva al 1771), finirà per coinvolgere lintero sistema politico e tutti i maggiori imprenditori italiani.

  141. La sera della grande retata, centinaia di persone si sono ritrovate a Sydney per protestare contro la demonizzazione dellintera comunità musulmana. Tra i presenti cera un leader islamico, Uthman Badar, del controverso partito islamico Hizb ut-Tahrir Australia. Intervistato dai giornali locali ha accusato il governo di utilizzare la situazione per dare più forza alle proprie decisioni sia in materia di politica estera che di contrasto allestremismo. «Con le (nuove) leggi antiterrorismo (…) e con limminente intervento militare in Iraq, questi raid arrivano al momento giusto per il governo», ha detto, intervistato dai giornali locali. «Stanno creando paura e isteria per giustificare lingiustificabile».

  142. Spesso, quando consiglio di leggere un dato autore a una persona che mi affida i suoi versi per un parere, mi sento rispondere «io non leggo altri autori se no mi influenzano».

  143. Quel capitale studiato da Marx a metà Ottocento, che oggi, con una notevole temerarietà, uno studioso divenuto improvvisamente celebre, Piketty, ha tentato di analizzare sul lungo periodo dellintero secolo XX, suscitando occorre dire non poche perplessità (e pure qualche sonora stroncatura). Piketty pone, sostanzialmente, il problema della iniqua distribuzione della ricchezza, una questione, scrive in esordio, giustamente, «troppo importante per esser lasciata ai soli economisti, sociologi, storici e filosofi». Le disuguaglianze che sono disuguaglianze nel possesso di beni, mobili e immobili, ossia in ogni modo, di denaro sono generate in particolare quando, come nel nostro tempo, il tasso di rendimento del capitale supera regolarmente il tasso di crescita del prodotto e del reddito». Ossia, quando D non produce o produce in modo insufficiente M, e si limita a generare D2. Marx aveva posto in luce, raccontandone il processo, le contraddizioni a suo avviso insormontabili del capitalismo, le sue interne aporie, e ne disegna il necessario, catastrofico epilogo. Altri, come ancora Piketty, pur riconoscendo grandi meriti allautore di Das Kapital, non ne condividono lorientamento «catastrofistico», ma nel contempo non possono non ammettere che tutti i torti non aveva.

  144. Gli scenari potrebbero essere tre: la prima opzione è un governo di unità nazionale con Ennahda, il cui leader Rached Gannouchi alla possibilità di larghe intese con i laici se la situazione post-elettorale lo avesse richiesto. La seconda opzione è l’alleanza di Niida Tounes con il Fronte Popolare di Hamma Hammami (sinistra, ha ottenuto il 5% dei consensi stando agli ultimi dati) o con l’Union Patriotique Libre (Upl, liberali) del ricco uomo d’affari Slim Rihai, sebbene questa convergenza potrebbe non bastare a formare una maggioranza parlamentare sufficiente.

  145. «E’ stato sorprendente trovarsi di fronte una tale varietà di stili. Le opere selezionate potrebbero trovare tranquillamente posto sugli scaffali delle librerie, independentemente risultato finale. E’ la conferma che fare scouting di qualità in rete non solo è possibile, ma fa parte di un nuovo modo di fare e intendere la letteratura» (, autore e regista, membro della giuria ilmioesordio. Fonte:Incontro Scouting letterario in rete — Internet Festival di Pisa, 10/10/2013)

  146. Per l’altra direzione, cioè quella per affinare l’offerta della nostra poesia verso l’esterno, direi che la lettura dal vivo sia la migliore strada per progredire. Dalle reazioni del pubblico si possono evincere molte cose: l’originalità o meno di ciò che scriviamo, la sua forza, se il suo ritmo è funzionale al testo e molte altri segnali che spingeranno a limare e migliorare il lavoro.

  147. Il suo capo, Ab Bakr al-Ba?d?d?, è un califfo molto virtuale. Questo sedicente successore di Maometto, al secolo Ibrh?h?m Awad al- Badr?, cui Time ha assegnato limmeritato titolo di uomo più pericoloso del mondo, non è né potrà diventare il supremo ordinatore delluniverso musulmano. Non è nemmeno un soggetto autonomo, per sé capace di alterare le equazioni di potenza in Medio Oriente.

  148. Il suo ruolo è quello di rappresentare gli interessi del settore editoriale nelle sedi internazionali e ovunque siano in gioco gli interessi degli editori. E’ stata fondata nel 1896 a Parigi dai principali editori del tempo e comprende più di 60 organizzazioni provenienti da oltre 50 paesi di tutti i continenti. Inizialmente il suo scopo era quello di garantire la tutela internazionale del diritto d’autore. Fin dalla sua fondazione, l’IPA promuove e difende la libertà di espressione e di pubblicazione, promuovendo a livello internazionale l’alfabetizzazione e la lettura. Da sempre luogo di incontro e di scambio di idee per gli editori, ha un ruolo attivo anche nell’organizzazione di fiere e convegni. E’ accreditata presso le Nazioni Unite in qualità di organizzazione non governativa ().

  149. di Marco TravaglioFrettolosamente archiviato come una nota di colore da Totoministri, il veto di Napolitano contro il pm antimafia Nicola Gratteri ministro della Giustizia è invece il peccato originale del nuovo governo.

  150. In tale quadro, il vero terreno di scontro pare essere lAnbar, regione occidentale dellIraq, dove lo Stato Islamico sta avendo la meglio. Qui, nelle ultime settimane lorganizzazione jihadista il controllo di alcune città (tra cui e Kubaisa), dove si trovano importanti installazioni militari. Creando una linea di rifornimento tra Raqqa in Siria e lAnbar, lIs potrebbe consolidare ulteriormente la sua posizione a pochi chilometri da Baghdad. Al momento questa rotta sinterrompe a Haditha e Ramadi, che sono sotto il controllo del governo iracheno.

  151. Da sempre il linguaggio medico opera a sostegno di un paradigma culturale che accomuna il sesso e la sessualità all’abilità fisica, escludendo così dal panorama erotico gli individui impaired, portatori di handicap. Fino a tempi recenti al concetto di disabilità è stato infatti attribuito uno studio prettamente medico, considerando la condizione dell’essere disabile come effetto diretto di menomazioni di tipo fisico e mentale. Soltanto nel 1980, con la nascita dell’anglosassone Social Model of Disability, al termine «disabilità» è stato dato un significato di tipo etico e culturale, discernendo il concetto di «menomazione» da quello di «disabilità», quest’ultima definita da processi di esclusione sociale. Secondo il Social Model of Disability il germe dell’emarginazione sociale di individui portatori di handicap non si alimenta dei loro «difetti» fisici o mentali, ma nasce e si perpetua all’interno della nostra società; l’inadeguatezza delle infrastrutture, pensate esclusivamente per il cittadino non portatore di handicap, disabilita ed opprime gli individui diversamente abili alimentandone l’esclusione sociale.

  152. Eppure era lo stesso papa Bergoglio a escludere mutamenti nei princìpi della dottrina e della condotta cattoliche. Lo faceva a proposito della contraccezione, richiamandosi allHumanae vitae, cioè allenciclica di Paolo VI, che aveva messo fine alle speranze di rinnovamento suscitate dal Concilio Vaticano II e aveva segnato per molti, anche per molti cattolici, uninvoluzione nella dottrina morale della Chiesa. Papa Francesco arrivava a riconoscere a Paolo VI uno spirito profetico, che gli aveva ispirato lidea di accompagnare il divieto della contraccezione con lesortazione alla pietà, non disgiunta però da unazione di freno, che è compito della Chiesa esercitare. Comprensione a piene mani dunque, ma senza mutare nulla nei fondamenti e nemmeno nelle istituzioni puramente storiche della Chiesa, come il celibato ecclesiastico, che comunque, almeno per il prossimo futuro, è meglio mantenere. E Francesco era chiaro: se anche il celibato dovesse essere rivisto, il sacerdozio sarebbe comunque riservato ai maschi, la famiglia dovrebbe sempre essere fatta di un uomo e una donna, le differenze tra uomo e donna non potrebbero essere cancellate, e la fase rivendicativa del femminismo dovrebbe finire, perché sarebbe semmai tempo di puntare sulle diversità tra i sessi, più che sulla loro uguaglianza.

  153. Pensate a cosa succederebbe se un sindacato invitasse i propri iscritti a bloccare tutti gli acquisti non essenziali per un paio di settimane (cosa molto facile, visti gli attuali salari!); oppure se lanciasse il boicottaggio dei brand che non sostengono apertamente le ragioni dei lavoratori; o se suggerisse il ritiro di contanti da tutti i bankomat in un giorno prestabilito; oppure se invitasse i lavoratori in agitazione a guidare a bassissima velocità o ad attraversare lentamente i passaggi pedonali per bloccare il traffico (come fanno abitualmente camionisti e taxisti in agitazione). A queste forme di protesta si potrebbero aggiungere anche consigli sempre salutari, come smettere di fumare (con un esplicito richiamo risorgimentale) e di giocare alle lotterie di stato per non rimpinguare le casse del Tesoro. Sarebbero tutti modi per convincere soggetti del tutto estranei alla protesta (e forse anche tendenzialmente ostili) a supportare le ragioni dei lavoratori, con effetti molto più incisivi dei soliti riti sindacali.

  154. Laccusa non riguarda esclusivamente i «diplomifici» e le scuole paritarie (accusati di sottrarre risorse alle scuole di Stato per produrre cattivi studenti). Il problema riguarda anche la scuola di Stato. Un paio di esempi comparativi: nelle scuole di Stato italiane si ospitano vescovi che blaterano di carità cristiana; in Danimarca, si invitano le prostitute a conversare di sesso. NellEuropa laica e pluralista, i bambini conoscono se stessi usando peluche a forma di fallo e di vagina; in Italia li si obbliga a giocare con il presepe. Altri argomenti, oltre alla sessualità, sono trattati seriamente da Micromega. Dovrebbero dimostrare che senza preti, lezioni di religione, crocifissi, presepi, listruzione in Italia ne trarrebbe giovamento.

  155. Neppure in Palestina le cose dovevano essere radicalmente diverse, anche se spesso, per accentuare i contenuti rivoluzionari del messaggio di Gesù, si è usata unimmagine stereotipata dellebraismo del I secolo a.C. A parte la realtà delle cose, perfino gli ideali appropriati per lebraismo dellesilio babilonese o dei primi tempi del Secondo Tempio non lo erano più per quello della Palestina romana, nella quale le donne dovevano godere di una certa libertà e dovevano essere presenti nella vita delle comunità; perfino le prescrizioni più stringenti sui rapporti pubblici tra uomini e donne si erano attenuate. Ma, oltre a tutto ciò, lo stesso messaggio escatologico attribuito a Gesù era perfettamente normale nellebraismo del suo tempo: cera da aspettarsi che un predicatore taumaturgo si appropriasse o fosse investito delle attese di un messia o di un re erede di Davide o di entrambe le cose. E figure del genere erano ben collocabili entro la Palestina del I secolo a.C., per giunta profondamente penetrata da modi di pensare ellenistici, che si facevano sentire anche allinterno della religiosità messianica. Che Gesù si presentasse o fosse inteso come figlio di Dio e fosse divinizzato non era affatto uno scandalo né per la religiosità ebraica né per quella pagana. Così che le donne potessero partecipare al fervore messianico, accanto agli uomini, ma in movimenti religiosi nei quali gli uomini avevano il predomino, non era affatto qualcosa di eccezionale. Linterpretazione che ha cercato di liberare Gesù dai condizionamenti storici, per recuperare la prospettiva escatologica del suo messaggio, può essere rovesciata: il predicatore originario faceva discorsi escatologici ben integrati nella tradizione ebraica, ma comprensibili anche ai gentili ellenizzati della Palestina. I suoi annunci nascevano in una società in cui le donne si muovevano accanto agli uomini, chiedevano rimedi alle loro malattie ginecologiche, nonostante i problemi che lo stile di vita ebraico poneva a proposito della sessualità femminile, dedicavano allaspirante messia le cure, talvolta ambigue, che le donne riservavano agli uomini dei quali subivano il fascino. Qualcuno si è spinto a fare supposizioni sulla vita familiare del messia, sulla presenza, forse ingombrante, della madre e dei parenti e sui possibili dissidi tra costoro e i discepoli o una parte di essi. Quando il messia farà una brutta fine, i suoi discepoli e i suoi familiari, più o meno daccordo, dovranno trovare un modo per salvarsi dal naufragio. Può anche darsi (come si è supposto) che siano state le donne del gruppo a credere nella resurrezione, mentre gli uomini erano spaventati e forse consapevoli dei pericoli che correvano.

  156. Se rispetto al crimine e alla moralità il modello letterario è Brecht, rispetto alla comunicazione come manipolazione è Orwell. Il sistema televisivo berlusconiano ha realizzato lincubo della «neolingua», lo strumento con cui il Grande Fratello di «1984» riusciva a impedire alle masse di pensare. Le parole vengono piegate, grazie alla potenza di fuoco della televisione, a significare lopposto di quanto dovrebbero. Ormai è diventato senso comune che i magistrati che incriminano Berlusconi e i suoi amici siano «magistrati politicizzati» (è vero esattamente il contrario). Che un monopolio televisivo sia lapoteosi del «libero mercato». Che chiedere il rispetto della Costituzione equivalga a fomentare odio (nella lotta politica italiana, chiusa la stagione del terrorismo, dominava un fair play quasi anglosassone. E Berlusconi che lo rompe, criminalizzando i suoi avversari e utilizzando un linguaggio a metà fra il trivio e la guerra di religione). Che in Italia non ci sia crisi economica. Che le tasse siano diminuite. Che se aumentano è per colpa delleuro e dei precedenti governi di sinistra. Che i media (compresi i suoi!) siano dominati dai «poteri forti» e dal giornalismo di opposizione, che quegli stessi «poteri forti», in combutta con la Corte costituzionale, violino il diritto della maggioranza a governare (inteso come il diritto a «fare quello che ci pare»). Si potrebbe continuare fino alle calende greche.

  157. Nelle aspettative di Salvini c’è non solo un momento di massa politicamente significativo, ma anche un chiaro messaggio alle componenti dell’ex-centrodestra, in vista di una sua candidatura ufficiale, come sindaco, nelle elezioni comunali di Milano del 2016; l’obiettivo ambizioso mai nascosto.

  158. In generale secondo gli organizzatori la scuola sta apprezzando molto la parte offline con partecipazione attiva agli eventi Miur e organizzazione di eventi in proprio». E sul sito cominciano anche ad arrivare le conclusioni degli 877 dibattiti organizzati fino alle 18 di ieri sera in tutte le regioni italiane. Tra le 1.179 proposte avanzate da insegnanti, dirigenti, enti no profit e organizzazioni cè di tutto.

  159. La discesa dei rendimenti sul debito pubblico, che si è ottenuta grazie all’euro, è una grazia, mentre non è così chiaro che l’ingresso nell’euro sia stata una disgrazia nel campo dell’economia reale. Si può pensare che lintroduzione delleuro — che è avvenuta dopo anni di integrazione comunitaria — sia stato uno shock positivo di apertura al commercio internazionale per una piccola economia aperta come lItalia. Uno shock come la «riduzione della volatilità del cambio» è equivalente a uno shock che riduce le barriere al commercio internazionale. Le imprese più produttive, quelle che lavorano nei mercati aperti, possono — se capaci — crescere, mentre le altre, che non sono state capaci di diventare più competitive, vanno male.

  160. Il problema è di riconoscere che gli Stati nazionali svolgono ancora una funzione potenzialmente positiva. Massimo Pivetti lucidamente individua nello svuotamento delle sovranità nazionali lo strumento con cui si è esplicitato lattacco ai diritti sociali in Europa: «Mentre in Inghilterra e negli Stati Uniti lattacco alle conquiste del lavoro dipendente e alle sue condizioni materiali di vita è avvenuto apertamente e frontalmente tra la fine degli anni Settanta e la prima metà degli anni Ottanta, nellEuropa continentale esso si è sviluppato in modo più graduale e indiretto, passando per il progressivo svuotamento delle sovranità nazionali».

  161. Quando un’economia rallenta, la Banca centrale cerca di ridarle vigore, in prima battuta abbassando il tasso di sconto. Le banche di credito ordinario ottengono dalla Banca centrale il credito a un costo inferiore e prestano a loro volta alle famiglie ed alle imprese a un costo inferiore. Il minor costo del denaro spinge il settore privato ad alzare i consumi e gli investimenti. L’economia smette così di rallentare e poi si riprende. Il tasso di sconto è stato abbassato negli Stati Uniti, nell’Eurozona e in Giappone. Gli investimenti non sono però ripartiti come in passato e i consumi si sono ripresi solo in parte.

  162. Pubblichiamo una stroncatura al del settimanale cattolico «Tempi», preoccupato che la Chiesa perda la propria posizione di rendita: «Nella scuola di Stato concepita da Flores d’Arcais, pare che lo studente, più che a formarsi come cittadino, venga piuttosto chiamato a comportarsi da piccolo despota illuminato». Allora meglio affidarsi ancora al mistero della fede, alle ingerenze morali del Vaticano e ai despoti ecclesiastici… verso l’oblio definitivo delle nostre menti e razionalità. Amen. di Giovanni PettaÈ possibile appassionare gli studenti all’opera del Manzoni e alla lettura dei «Promessi Sposi»? Sì, ma per farlo bisogna rinunciare ad appesantire e «snaturare» il rapporto dei ragazzi con l’opera, favorendo il loro incontro diretto con quell’attività piacevole e «utile» alla vita di ognuno che è la lettura.

  163. SALVO LE DIVERSE INDICAZIONI DI LEGGE, ELEMEDIA SPA NON POTRÀ IN NESSUN CASO ESSERE RITENUTA RESPONSABILE PER QUALSIASI DANNO PARZIALE O TOTALE, DIRETTO O INDIRETTO LEGATO ALL’USO DEL PRESENTE SITO WEB O DI ALTRI SITI WEB A ESSO COLLEGATI DA UN LINK IPERTESTO, IVI COMPRESI, SENZA ALCUNA LIMITAZIONE, I DANNI QUALI LA PERDITA DI PROFITTI O FATTURATO, L’INTERRUZIONE DI ATTIVITÀ AZIENDALE O PROFESSIONALE, LA PERDITA DI PROGRAMMI O ALTRO TIPO DI DATI UBICATI SUL VOSTRO SISTEMA INFORMATICO O ALTRO SISTEMA, ANCHE SE ELEMEDIA SPA FOSSE STATA MESSA ESPRESSAMENTE AL CORRENTE DELLA POSSIBILITÀ DI TALI DANNI.WEB

  164. Per qualche anno la Grecia ha pagato sul proprio debito pubblico un rendimento di poco superiore a quello tedesco. Perciò nella costruzione della zona euro si ha un mercato comune dei prodotti e parzialmente dei capitali, si ha anche un modesto mercato del lavoro omogeneo, ma non si ha un sistema di trasferimenti federale, di tipo «automatico». Forse lo si potrà avere in futuro, se tutti gli Stati membri avranno un bilancio in pareggio, con esenzioni definite per l’emissione di obbligazioni «di scopo» come avviene negli Stati Uniti. Possiamo perciò concludere che l’euro rappresenta un’area economica parzialmente ottimale.

  165. di Giulio MarconNonostante un discorso abile e pieno di promesse il governo Letta ha mostrato con la sua prima uscita tutta la sua debolezza politica, soprattutto per la condizione di subalternità e di alleanza vincolante con Berlusconi che lo lascerà al suo destino al momento più opportuno. Lavoro, crisi, precariato: per ora solo promesse e nessuna indicazione programmatica.

  166. E unutopia? Forse. Non lo è, invece, proporsi esplicitamente di rimodulare lUnione sulla base degli errori fatti e del riconoscimento che è solo la politica che può guidare processi unitari, che quindi deve venire prima, e non leconomia, che non può che accodarsi. Lalternativa è il degrado inevitabile delle democrazie europee, un rischio reale, da non sottovalutare affatto, di fronte al quale molto meglio sarebbe prender atto del fallimento e sciogliere lunione monetaria. Non mi pare che, se non molto timidamente, di questo rischio i capi di stato e di governo europei abbiamo preso consapevolezza, nonostante gli esiti delle ultime elezioni e i molti segnali che li hanno proceduti nelle piazze reali e virtuali di tutta Europa.

  167. Lavevamo lasciato con quasi 34mila preferenze ottenute come candidato nel collegio Nord-Ovest per lAltra Europa con Tsipras, poi la decisione di rispettare la parola data e di abdicare per tornare al suo quotidiano lavoro teatrale. «Non sono adatto per le poltrone, mi ritengo semplicemente un attivista militante», Moni Ovadia è un uomo di sinistra. Un uomo si autodefinisce «eticamente radicale ma caratterialmente moderato» che non vuole arrendersi al Patto del Nazareno, al renzismo e alle larghe intese in Europa: «Auspico un autunno caldo e la rinascita di una sinistra, autentica, altro che Pd».

  168. Entro nella toilette e chiudo a chiave. Non mi raccapezzo più, devo calmarmi. Rifaccio il nodo alla cravatta e pettino i capelli, ne ho pochi e bianchi. Ho la mistica magrezza di un piacere germogliato in segreto, la mia andatura è irregolare come il battito del polso, ma so fingere, io. Ho gambe arcuate, lunghe braccia e collo avvizzito; la bocca inarcata in alto si ricollega alla fronte sporgente. Mi specchio e guardo il viso incastonato di rughe, sono così felice dessere ancora in vita. Indosso occhiali scuri. Sono una persona sola, non due. Mi lavo le mani e guardo limmagine riflessa, il volto di sempre che non riconosco.

  169. Sotto il profilo storico e giornalistico è ormai assodato che la nascita di «Forza Italia» avviene sullo sfondo di una trattativa tra pezzi di apparati dello Stato e cupola mafiosa. Sotto il profilo giudiziario vi sono sentenze che sposano apertamente tale ipotesi ma in mancanza della prova «al di là di ogni ragionevole dubbio» non comminano condanne. A parte la conferma anche nella sentenza di appello del concorso in associazione mafiosa per il senatore DellUtri, braccio destro di Berlusconi e allorigine della nascita di Forza Italia grazie alla rete della società di pubblicità Publitalia, si accumulano in modo crescente indizi giganteschi sulle ragioni dellassassinio di Borsellino. Del resto, ben tre procure stanno indagando sui «misteri» di quel biennio decisivo: 1992 con lassassinio di Falcone e Borsellino e le loro scorte, 1993, con gli attentati-strage al patrimonio artistico di Roma e Firenze (e strage mancata in extremis — allo stadio Olimpico). Il carattere malavitoso dellentourage di Berlusconi supera ormai di gran lunga la fantasia di Bertolt Brecht con il suo Mackie Messer.

  170. Ed è opportuno ricordare che la principale critica a questa impostazione fa riferimento al fatto che per loperare del tradizionale meccanismo keynesiano e degli effetti moltiplicativi connessi la riduzione della spesa pubblica, riducendo la domanda interna, contribuisce ad accrescere il tasso di disoccupazione, a ridurre conseguentemente il tasso di crescita e ad accrescere il rapporto debito pubblico/Pil.

  171. Non cè falsità anche in questo? Gridare allorrore e poi muoversi a singhiozzo. Inoltre, non mi sembra che l’Occidente consideri la violenza dei tanti governi islamici che tagliano teste, lapidano donne, frustano chi beve vino, tagliano le mani ai ladri e fustigano gli omosessuali con gli stessi parametri con cui valuta quella dell’Is. Se vogliamo parlare di inciviltà e di crudeltà, non si usino due pesi e due misure.

  172. (Ride) «In un certo senso sì, in ogni mio film ci sono diversi livelli di comprensione. Ma alla fine il pubblico deve divertirsi. Se poi ci torna, meglio per il box office! Per me la cosa più importante è che il pubblico intraprenda questo viaggio. Davanti al grande schermo…».

  173. Il Circolo Viaggiatori nel Tempo è l’Associazione culturale che dal 1995 organizza il Festival Internazionale di Poesia di Genova, considerato la più grande manifestazione del suo genere in Italia per durata, qualità e prestigio degli artisti intervenuti, e per il numero di eventi. In sedici anni di vita la rassegna genovese ha visto la partecipazione di ben 900 tra poeti, studiosi e artisti provenienti dai cinque continenti, in rappresentanza anche di minoranze linguistiche e culturali. Il Festival si tiene a Genova nel mese di giugno nel Cortile Maggiore di palazzo Ducale e in altri suggestivi luoghi di uno dei centri storici più grandi e caratteristici dEuropa, con centinaia di eventi gratuiti tra letture, concerti, performance, conferenze, visite guidate con l’obbiettivo avvicinare in modo naturale e spontaneo il più ampio pubblico possibile all’arte della poesia.

  174. Da parte degli Usa, si spera soprattutto che il Ttip affossi davvero il progetto europeo di tassare le transazioni finanziarie. La questione pare essere già intesa, dal momento che la stessa Commissione europea ha giudicato tale tassa non conforme alle regole del Wto (11). Nella misura in cui la zona di libero scambio transatlantica promette un liberismo ancora più sfrenato di quello del Wto, e dato che il Fondo monetario internazionale (Fmi) si oppone a qualunque forma di controllo sui movimenti di capitali, negli Stati uniti la debole Tobin tax non preoccupa più nessuno.

  175. La coalizione Rosso-rosso-verde non sarà quindi un esperimento selvaggio. Ramelow non è un socialista romantico mascherato, ma un pragmatico professionista, per il quale conta non tanto la piattaforma programmatica della Linke, quanto piuttosto i princìpi della good governance. Certamente adesso qualcuno lancerà terribili profezie e dipingerà a tinte fosche la marcia della Linke verso il potere. Wolf Biermann ha già fatto sentire la sua voce ammonitrice?

  176. La stampa a caratteri mobili, grazie alla sua efficacia, si diffonde molto rapidamente anche al di fuori della Germania. Questo principalmente a causa di quei tipografi, che, appresa la tecnica di Gutenberg in Germania, ritornano nei paesi di origine. Così una delle prime tipografie al di fuori del territorio tedesco viene imputata a Johannes Numeister, allievo dello stesso Gutenberg, che inaugura nel 1463 la prima bottega tipografica in Italia. Più precisamente a Foligno. Mentre il primo testo effettivamente stampato al di fuori della Germania è invece ad opera di Konrad Sweynheym e Arnold Pannartz a Subiaco vicino Roma nel monastero di Santa Scolastica. Così nel giro di pochi anni la pressa di Gutenberg a caratteri mobili si diffonde rapidamente in Italia, fino a contare quasi 417 editori nella sola Repubblica di San Marco. Il più famoso dei quali forse Aldo Manuzio le cui edizioni, denominate «aldine», ancora oggi risultano essere molto pregiate. Non da meno la città di Roma che tra il 1467 e il 1500 conta circa 1825 titoli al suo attivo. Sicuramente il vero primato è, però, da attribuirsi proprio a Johannes Numeister e alla sua tipografia di Foligno allinterno della quale tra il 5 e 6 aprile del 1472 viene stampato il primo libro in lingua italiana: la Divina Commedia.

  177. Second, we will increase our support to forces fighting these terrorists on the ground. In June, I deployed several hundred American servicemembers to Iraq to assess how we can best support Iraqi security forces. Now that those teams have completed their work — and Iraq has formed a government — we will send an additional 475 servicemembers to Iraq. As I have said before, these American forces will not have a combat mission — we will not get dragged into another ground war in Iraq. But they are needed to support Iraqi and Kurdish forces with training, intelligence and equipment. Well also support Iraqs efforts to stand up National Guard Units to help Sunni communities secure their own freedom from ISILs control.

  178. Taranto ha diritto a una via duscita dignitosa. Vogliamo la fine di questo psico-dramma. Vogliamo esser risarciti e che lambiente sia bonificato e vogliamo che i nostri operai non siano lasciati alla mercé di elementi incerti ma che i loro diritti vengano rispettati e garantiti.

  179. Ma la prima importante partita si gioca in questi mesi e Salvini spinge sull’acceleratore, lasciandosi aperte tutte le porte, dando il via ad una mobilitazione generale, dispiegata su tre momenti, concepiti come un climax crescente e riuniti sotto l’autocelebrativo hashtag twitter: «#effettosalvini».

  180. Confesso che quando ho redatto per MicroMega il mio articolo a commento del sinodo straordinario dei vescovi cattolici sulla famiglia, la mia massima aspirazione non era certo quella di vedere riprese (e dileggiate) le mie riflessioni sul quotidiano Avvenire. È risaputo, però, che la vita suole essere ironica ed ingenerosa con i nostri desiderata. Ragion per cui quella testé menzionata è stata lamara sorte a cui il mio modesto pezzo è andato incontro.

  181. Gli Stati Uniti d’Europa invocati in Italia da un ampio schieramento, da Matteo Renzi a Giorgio Squinzi, da Nichi Vendola a Barbara Spinelli sono solo un ingannevole miraggio, e sotto l’egemonia tedesca sarebbero comunque un incubo. L’ulteriore centralizzazione delle politiche fiscali e di bilancio sotto l’egida della UE auspicata da Mario Draghi avverrebbe al di fuori di ogni controllo democratico e sarebbe diretta dalle tecnocrazie subordinate alla grande finanza.

  182. Saranno quindi i lettori stessi a portare all’attenzione della community le ultime scoperte, mettendo alla prova le proprie capacità e diventando Talent scout letterari in modo facile, divertente e appassionante.

  183. Così, ancora una volta, Collisioni, festival di letteratura e musica, ha attirato nella capitale del vino più pregiato del mondo, folle di ragazzi che non assomigliano per nulla ai pullman di tedeschi e inglesi amanti di Bacco tutti concentrati sul tour delle cantine. Ragazzi d’Italia e della vicina Francia, una piccola parte del popolo di transumanti che batte le contrade d’Europa incurante della crisi dell’eurozona, alla ricerca della serenità perduta. Lo stesso popolo che si sarebbe messo volentieri in marcia anche martedì per assistere alla celebrazione di sir Elton John, vero clou fuori programma della quinta edizione della rassegna, la perla della collezione che, come lo scorso anno Bob Dylan, era destinata ad impreziosire il programma del 2013. Ma il vecchio Elton, vittima di una «infezione virale», come recita il comunicato ufficiale, darà forfait e annulla Barolo dopo aver disertato due concerti in Germania. Per «Candle in the wind» bisognerà attendere una nuova edizione. A confermare il forfait è una nota dell’agenzia D’Alessandro e Galli in cui la star «si scusa con tutti i fan» augurandosi che possano capire lo stato fisico in cui si è trovato. L’organizzazione promette rimborsi ai previdenti che avevano acquistato il prezioso tagliando.

  184. Requiring women say «yes» to demonstrate consent does nothing to help women for whom that «yes» was coerced or threatened. And women who gave «affirmative consent» under duress would have no legal recoursetheir «yes» would be evidence against them.

  185. «Sarebbe appropriata una riforma costituzionale che renda più stringenti le regole di bilancio… e un forte impegno ad abolire o a fondere alcuni strati amministrativi intermedi (come le province)… Sono necessari accordi al livello d’impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende, rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione (quello nazionale, ndr)… Il Governo dovrebbe valutare una riduzione significativa dei costi del pubblico impiego, rafforzando le regole per il turnover e, se necessario, riducendo gli stipendi… È necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali… Questa dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala…. . Confidiamo che il Governo assumerà le azioni appropriate. Firmato: Mario Draghi, Jean-Claude Trichet».

  186. In scena lo stesso Milesi vestirà il ruolo di Paolo Borsellino, e Alberto Albertino quello di Giovanni Falcone. E poi la partecipazione di Paolino Blandano nel ruolo di un personaggio di Cosa Nostra. «Si tratta di Peppe Ferro- spiega il giudice Camassa- mafioso della provincia di Trapani, condannato, tra l’altro, con sentenza definitiva per la strage di Firenze (27 maggio 1993 ) e poi divenuto collaboratore di giustizia». Uno dei brani è tratto dal dibattimento del 2002 del processo ‘Arca’, in cui Giuseppe Ferro racconta come la mafia si sia riorganizzata subito dopo le stragi».

  187. Affisse alla parete opposta allingresso, troviamo infine tre grandi fotografie realizzate dallartista ungherese Attila Csrg, che ritraggono fasci di luce concentrici. Come intuiamo dallimmagine centrale in cui si intravedono, sullo sfondo di uno laboratorio, un motore elettrico e dei fili la scultura luminosa è lesito di un esperimento condotto dallartista. Csrgo collega una torcia ad un piccolo motore elettrico, a cui vengono impartite tre velocità diverse che generano spirali luminose crescenti. Una volta raggiunta la forma della sfera, la velocità del motore si riduce, costringendo la luce a compiere a ritroso il movimento iniziale. Richiamandosi al tema della ciclicità da cui muove la mostra lopera Spherical Vortex II chiude, ma solo temporaneamente, il percorso sulla scala.

  188. Tutto ciò accade con modalità che escludono del tutto i cittadini dalla vita stessa delle loro società, ridotti alle figure emaciate e tristi di consumatori indebitati, di desideranti frustrati, di partecipanti inconsapevoli a riti elettorali privi di autentiche opzioni politiche alternative, o, peggio, a manifestazioni plebiscitarie per un personaggio invece che un altro. E tutti promettono denaro, denaro da ricavare, in più (promesse talora mantenute, con una partita di giro spettacolare, che fa entrare dalla porta e fa uscire dalla finestra mirabolanti bonus), e denaro da sborsare in meno («ridurremo le tasse!» è il grido di lancio fondamentale di ciascun partecipante allarena politico-elettorale).

  189. Questo deficit pubblico è stato in parte finanziato dalla Federal Reserve, la Banca centrale, che ha comprato i titoli del Tesoro. Non solo, la Fed ha anche comprato le obbligazioni con in pancia i mutui ipotecari. Facendo così, ha abbattuto il costo dei mutui e perciò ha alleviato l’onere da interessi per le famiglie. Insomma, la Banca centrale statunitense ha seguito e ampliato l’opzione giapponese, che è ormai diventata famosa col famigerato nome di Quantitative Easing.

  190. Inoltre, caccia turchi degli attacchi nel Sud-Est del paese contro strutture del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), lorganizzazione militante per lauto-determinazione del Kurdistan turco. I raid sono stati lanciati dopo che il Pkk ha attaccato un avamposto turco nella provincia di Hakkari, al confine con lIraq.

  191. King, chairman of the powerful House Committee On Homeland Security, tells me he's unfazed by the prospect of running against Rice — or anyone — even in a redrawn NY-2.

  192. Soltanto pochi giorni fa un ragazzo australiano di soli 17 anni, Abdullah Elmir, è apparso in un video di propaganda dellIs, circondato da uomini armati. Ha avvertito lAustralia e Tony Abbott che lui e i suoi compagni non hanno paura, che non si fermeranno fino a quando la bandiera nera dellIs non sventolerà in ogni paese. Elmir è scappato dalla sua casa di Sydney a giugno, è andato in Turchia e ha attraversato il confine con la Siria per unirsi ai militanti del Califfato. I suoi amici lo difendono, dicono che era un ragazzo normale, che amava il teatro. Aveva appena finito la scuola e stava pensando di iscriversi alluniversità. I suoi genitori sostengono che qualcuno gli ha fatto il lavaggio del cervello e lo ha incoraggiato a partire.

  193. MANTELLOConsigli, progetti e idee per la scrittura. Che la scrittura sia passione o professione, raramente la capacità di scrivere è dote naturale. Il primo segreto di chi scrive bene è leggere, e leggere tanto. Leggere i classici, leggere i grandi della narrativa ma non solo. Anche saggi, manuali, libri di cucina, fumetti, poesie, tesi di laurea. Anche leggere e valutare inediti di altri autori aiuta, perché sviluppa il senso critico e la capacità di discriminare tra ciò che è buono e non lo è, tra ciò che ha potenziale e ciò che invece suona già «letto», magari perché pallida imitazione di qualche grande scrittore.Scrivere, nel mondo digitale, significa sempre di più collaborare e confrontarsi.colloquio con Giovanni Scanavino di Stefania RossiniDialogava con tutti, spesso controcorrente. Voleva che la Chiesa cambiasse, andando oltre il Concilio Vaticano II. E parlava anche di sacerdozio femminile. L’ex vescovo di Orvieto racconta come è stato mandato via e ridotto a semplice monaco.

  194. Il rilancio fiscale con il ritorno alla lira, con in più il finanziamento del deficit da parte della Banca centrale, a parte il probabile crack del debito pubblico e delle banche, sarebbe come tornare indietro di trent’anni.

  195. MR. GREGORY:? But, Mr. Quinn, you have to, you have to understand, a lot of people hear about your relationship this week, that you haven’t talked to him in a year and wonder what kind…

  196. Il Commissario spiega come siano importanti i tagli da 2,1 miliardi proposti: per la sola ricerca (programma Horizon 2020) una riduzione del 10% del budget significherebbe lo stop per circa 600 progetti che coinvolgono 1.400 imprese di piccole e medie dimensioni. Già «la Commissione ha dovuto ridurre il livello» di pre-finanziamento per i nuovi impegni, dal 60% al 35%, e «attualmente oltre 70 progetti per un importo di 36 milioni di euro sono bloccati e pagheranno interessi di mora».

  197. D’ORSI FLORES D’ARCAISdi Giacomo Russo SpenaPer leconomista il provvedimento, malgrado le piccole modifiche introdotte alla Camera, precarizza ulteriormente il mondo del lavoro e si inserisce nel sequel degli ultimi ventanni: «In Italia abbiamo assistito allo smantellamento progressivo del diritto del lavoro». E sugli 80 euro inseriti da Renzi nel Def, «lidea che possano invertire la rotta e farci uscire dalla crisi è peregrina, per la svolta economica ci vuole ben altro».Al mondo non esistono storie. Non ci sono. Al mondo esistono solo avvenimenti. Vicende che si susseguono una dopo laltra.

  198. (21 ottobre 2014)Quando è cominciata loperazione Steadfast Javelin II, il 2 settembre scorso, la sensazione provata da Vladimir Putin dev’essere stata qualcosa di molto simile a un affronto personale.

  199. PRES.-ELECT OBAMA:? Well, look, that, that’s one of the tricky things that we’ve got to figure out how to structure.? We don’t want what you just described, a moral hazard problem where you have incentive to act irresponsibly.? But, you know, if my neighbor’s house is on fire, even if they were smoking in the bedroom or leaving the stove on, right now my main incentive is to put out that fire so that it doesn’t spread to my house.? And I think most people recognize that even if there were some poor decisions made by home buyers, that right now our biggest incentive is to make sure that the housing market is strengthened.? I do think that we have to put in place a set of rules of the road, some financial regulations that prevent the kind of speculation and leveraging, that we saw, in the future.

  200. L’Aqr ufficiale procede in questo modo: si analizza l’attivo delle banche, ossia i crediti verso le imprese e le famiglie e i titoli in portafoglio, che sono soprattutto obbligazioni. Si vede quanti crediti sono «buoni» e quanti «cattivi». Si definisce quanti accantonamenti vadano fatti a fronte dei crediti cattivi. Si vede la differenza fra crediti cattivi e accantonamenti. Nel caso i secondi siano insufficienti si invitano le banche a provvedere.

  201. The weekend of gun violence does leave an impression that few crimes are committed with the assault weapons whose legality is being debated in Washington. We saw one Detroit homicide where a witness said the gun was an AK-47, but police won’t say one way or another. And Nehemiah Griego is said to have used a .22-caliber rifle, then a .223-caliber military-style AR-15 semi-automatic rifle.

  202. di Angelo d’Orsi»La prima ragione della sconfitta di Bresso è la supponenza, larroganza, il disinteresse per i bisogni reali delle persone».

  203. Nepotismo, baronati, e concorsi truccati sono il passato e il presente delluniversità italiana. Un mondo incrostato di clientele, favoritismi e raccomandazioni contro cui lassociazione antimafia Libera e lAutorità nazionale anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone condurranno insieme una battaglia. Il tandem è stato sancito in occasione di Contromafie, la 4 giorni organizzata a Roma dallassociazione Libera e conclusasi lo scorso 26 ottobre. «Siamo riusciti a fare approvare una norma che consente allAutorità nazionale anticorruzione di essere destinataria della segnalazione degli illeciti ha detto Cantone rivolgendosi agli attivisti di Libera il whistleblowing è un istituto che negli Stati Uniti ha funzionato benissimo e che consente a tutti i cittadini di segnalare gli illeciti senza essere esposti a ritorsioni. Possiamo lavorarci insieme».

  204. L’indagine, , era partita dalla denuncia di un privato cittadino ed era stata supportata da personale impiegato nella struttura, da un ex dipendente e da un genitore di uno dei piccoli ospiti dell’asilo nido. Gli inservienti avrebbero anche fornito alla Procura filmati dei maltrattamenti. Negli ultimi mesi, proprio perché si era diffusa la notizia che nell’asilo nido i bambini venivano maltrattati, 12 di questi erano stati ritirati. Loro si erano sempre difese:

  205. Copyright 2014 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistributed. Tunis (Reuters) — Death threats against Tunisian secular lawmakers on Sunday disrupted voting on a new constitution, underscoring tensions over the role of Islam and the transition to democracy three years after the nation’s revolution.

  206. A utilitaristi e positivisti non sono andate le simpatie di filosofi e storici, che hanno loro rimproverato di aver passivamente accettato le indebite rivendicazioni di primato di scienziati o ideologi della conoscenza scientifica. Con questa critica gli umanisti cercavano di esorcizzare non solo il fatto che avevano dovuto rinunciare alla conoscenza della natura, ma anche il rischio di dover riconoscere la scarsa affidabilità delle forme di sapere che avevano sempre coltivato. Il rifiuto di positivismo e utilitarismo si inseriva in un movimento di rivolta contro il sapere scientifico moderno, che segna gran parte della filosofia della fine dellOttocento e del Novecento, un movimento guidato dalla cultura filosofica tedesca, in cui si era conservata leredità della scolastica medievale, regredita, fra Seicento e Settecento, nel resto dellEuropa. Attingendo al patrimonio scolastico i filosofi tedeschi proponevano alternative al sapere scientifico o concezioni che lo sottomettessero a forme di sapere superiori o sue reinterpretazioni che comunque ne limitassero le pretese. In sostanza si trattava di rimettere lanima nella materia e nella natura, facendo della natura o la manifestazione puramente fenomenica di una realtà spirituale, o il frutto di pure costruzioni intellettuali umane, o una rappresentazione proiettata sulle cose soltanto per giustificare tecniche escogitate per dominare cose e uomini. In un modo o nellaltro si riduceva lespulsione dellanima dal corpo a un ingrediente per esercitare il controllo totale delle attività umane. Come si poteva dire allora che le filosofie utilitariste e positiviste e lo sviluppo delle tecniche generate dallingegneria o dalla medicina avessero contribuito a liberare le donne? Perché, al contrario, si trattava semplicemente di unestensione ancora più penetrante del controllo sulla realtà. Liberando le donne dal loro legame con la procreazione, lallevamento dei figli, la cura della casa e i lavori domestici, le si rendeva simili agli uomini, capaci di una sessualità indipendente e si profilava per loro perfino la possibilità di generare senza bisogno di avere un rapporto sessuale: la donna smetteva così di essere soprattutto corpo, come era stata per i filosofi antichi, e carne tentatrice, come i cristiani avevano tradotto lidea dei filosofi. Le donne erano corpo e sessualità come lo sono gli uomini o, addirittura, si invertivano le parti, perché un uomo ha bisogno di una donna per diventare padre, mentre a una donna basta il seme di un uomo, per generare, e può comunque decidere da sé sulla gravidanza, anche se iniziata nel rapporto con un uomo. Ma, per chi sospettava di tutto ciò che provenisse dalla conoscenza scientifica e dallinvenzione di tecniche, quelle cose producevano una liberazione apparente delle donne, perfino peggiore del loro asservimento, perché abolivano sì le restrizioni che esse avevano subìto, ma le omologava in una realtà indifferenziata.

  207. Pubblicare un libro significa prima di tutto renderlo pubblico, cosa che in genere coincide con il metterlo in vendita. Il prezzo di vendita viene fissato dall’autore ma non può essere inferiore, naturalmente, .

  208. Security camera images broadcast by Rossiya 24 television showed Sunday’s moment of explosion, a bright orange flash inside the station behind the massive main gate followed by plumes of smoke.

  209. Fatte queste premesse, cè però una parte del Sinodo che ha un orientamento più «liberal» o perlomeno non troppo conservatore , e che oggi ha nel card. Walter Kasper il proprio leader. Kasper, che sul tema della famiglia ebbe dal papa lincarico di tenere la relazione di apertura ai cardinali riuniti in concistoro nel febbraio 2014, propone da tempo di concedere dopo un cammino penitenziale, sotto la supervisione di un prete e comunque previa assoluzione la riammissione dei divorziati alleucarestia. Nulla di rivoluzionario, quindi, che non mina affatto il concetto (che invece potrebbe essere oggetto di ampia trattazione, anche teologica, ma non lo sarà) di indissolubilità del matrimonio. Solo una proposta di buon senso, dettata dalla prassi già in atto da secoli presso la Chiesa ortodossa, di ammettere seconde e terze nozze (che vengono però considerate diverse dalle prime) e che si fonda anche sullinterpretazione, contestata da teologi ed ecclesiastici conservatori, del canone 8 del Concilio di Nicea del 325, che avrebbe concesso, a certe condizioni, il perdono sia a coloro che avevano fatto apostasia della loro fede durante le persecuzioni che a coloro che si fossero sposati una seconda volta.

  210. But he isn’t arguing that there will be no significant cultural impact. Rather, he believes college males will react sort of like cable news viewers who develop persecution complexes:

  211. Tra i più celeri a scommettere su quella prima breccia, spinto dallattivismo che lo contraddistingue, cè sicuramente il Qatar. Già a dicembre 2013 Doha ha offerto una sostanziale assistenza tecnica e tecnologica agli iraniani per lo sviluppo di «South Pars» — che i qatarini chiamano «North Dome»- un giacimento di gas che si estende per 9.700 km² nelle acque del Golfo, di cui una buona parte in territorio iraniano.

  212. MS. MITCHELL: From Einstein to some of our greatest scientists have been people coming in. And to tell people who’ve been through high school , been high school presidents, gone to the college, some of the best brains , who have no relation to the home country .

  213. All the articles are provided with maps to explain what the different positions and territorial claims of all parties are. Limes does not support any political party in Italian domestic politics. It is aimed at providing elements to discuss the central issues of our times and of Italian international presence, from the Atlantic Alliance to the European Union, from the Mediterranean space to new policies towards eastern European countries, without neglecting Italian domestic problems.

  214. GOV. HUCKABEE:? Oh, it leaves them right in the middle of America.? I think the Judeo-Christian background of this country is one that respects people not only of faith, but it respects people who don’t have faith.? The, the key issue of real faith is that it never can be forced on someone.? And never would I want to use the government institutions to impose mine or anybody else’s faith or to restrict.? I think the First Amendment, Tim, is explicitly clear.? Government should be restricted, not faith, government.? And government’s restriction is on two fronts:? one, it’s not to prefer one faith over another; and the second, it’s not to prohibit the practice of somebody’s religion, period.

  215. Il campione era lì, disteso sul suo tavolo verde, la stecca ancora in mano, il volto rilassato, la testa poggiata sul tappeto di gioco. La palla bianca era ferma a pochi centimetri dai suoi occhi, due occhi grandi, neri, aperti, immobili. Non cera altro sul tavolo da biliardo. 4 birilli bianchi ancora in piedi, il birillo rosso caduto, una palla gialla, una rossa .. e il campione del mondo, Claviel De Vaio, morto sul suo ultimo tiro.2) RIEN DE RIEN (NIENTE DI NIENTE) di Francesco Amat di San Filippo

  216. Fatte le dovute proporzioni, ci sono molte somiglianze fra la situazione attuale e le esperienze istituzionali che abbiamo vissuto in un passato non troppo lontano.

  217. di Luciano GallinoÈ stupefacente che vi siano un ministro del Lavoro, un certo numero di accademici, quattro quinti dei media e molti politici, anche di centrosinistra, capaci di sostenere con tutta serietà che i lavoratori italiani godono di garanzie eccessive quanto a mantenimento del posto e che ciò ostacolerebbe le nuove assunzioni. Ma hanno dato un’occhiata a quel che sta succedendo nelle aziende italiane?

  218. Per suggellare laccordo, i due paesi si sono dichiarati pronti a investire subito 275 milioni di dollari Usa ciascuno, per potenziare infrastrutture e collegamenti tra i porti di Bushehr e Al Ruwais in Qatar. Unoperazione che, se portata a termine, potrebbe non solo far lievitare il volume dellinterscambio commerciale non-oil — arrestatosi lo scorso anno sui 114.3 milioni di dollari Usa — ma sopratutto impattare significativamente sulle rotte commerciali internazionali. Doha sarebbe interessato a importare dal vicino iraniano le materie prime principali di cui ha bisogno: materiali edili e minerali, fondamentali per il suo sviluppo edilizio, e prodotti alimentari indispensabili per un paese che non può essere autosufficiente nel suo fabbisogno.

  219. La Germania (con i paesi detti «virtuosi») non garantisce il debito degli altri Stati. Quando gli Stati si indebitano troppo, senza dar mostra di poter ripagare il debito cumulato, ci si attende che i mercati finanziari li «puniscano», ossia chiedano un «premio per il rischio». L’euro funziona se i mercati finanziari puniscono le «cicale», premiando chi è «formica», ma questo non è avvenuto sempre.

  220. Germania, 1933. Anna Alrutz è un’infermiera, ma la sua divisa è diversa da quella delle altre. In corsia i medici la salutano con deferenza, le pazienti con timore. Appena ventiseienne ha giurato fedeltà al regime e svolgerà senza esitazione le sterilizzazioni previste dalle leggi eugenetiche. Ma mentre Hitler sogna una Germania arianizzata e senza più disabili, qualcosa nella vita di Anna si incrina. Una prova di coraggio e di solidarietà in uno dei periodi più bui del nostro passato.

  221. I am a recent graduate, and want to share with you a few of my experiences that I think are illustrative of why the new affirmative-consent laws are out of touch with the reality of the human experience. I hope they can be of some value to the debate.

  222. Ne è nata una colluttazione al termine della quale R.A. ha estratto il revolver e, dopo aver puntato l’arma all’altezza del petto del ventiduenne, ha esploso un primo colpo che però non ha colpito il ragazzo. Dopo pochi attimi l’uomo ha puntato la pistola all’altezza del viso di L.N., anch’egli di 22 anni, per poi esplodere stavolta verso il basso un secondo colpo che è finito contro il pavimento, è rimbalzato e ha preso l’avambraccio sinistro del giovane.

  223. Questo prototipo di missionario originario, più che un fanatico odiatore di donne, era un tipo indulgente, che, per reclutare seguaci, non voleva creare dissidi. Cerano ebrei disposti ad ascoltare i missionari, ma non a partecipare con i gentili a banchetti nei quali si consumassero carni di animali sacrificati agli idoli? Non bisognava tormentare le loro coscienze deboli, ancora incapaci di sentire la forza dello spirito. Abbandonare il marito poteva mettere in difficoltà donne convertite? Che restassero in famiglia! Le donne erano veicoli preziosi per diffondere il cristianesimo e collaboratrici fedeli: potevano prendere la parola, ma dovevano restare velate, come conviene alle donne. Paolo accettava lescatologia postuma degli evangelisti, ma centrava la propria predicazione sulladempimento vicino delle promesse messianiche, unimminenza che faceva perdere importanza alle forme della vita personale e sociale. Lescatologia aveva le proprie insidie, perché lattesa poteva, da un lato, indurre a non cambiare nulla, dallaltro, a mutare intempestivamente la propria vita, con il pericolo di dare a questi mutamenti provvisori più importanza del ritorno del messia. Paolo doveva tener viva lattesa, senza dare però troppa importanza agli accorgimenti che servivano a quello scopo, ma che non erano lobiettivo cui mirava la fede: se nellattesa cerano ragioni esterne che impedivano di cambiare, meglio non cambiare e attendere.

  224. Considerate il lavoro di editing come il check up generale della vostra opera, la messa a punto da effettuare perché alla fine il vostro prodotto, più bello, più curato e più «vostro», sia finalmente pronto per una «prova su strada».

  225. E un bravissimo comunicatore, si vende bene. Incarna la retorica del nuovismo contro chi è ancora ancorato al Novecento, peccato lui voglia tornare allOttocento dove si poteva licenziare arbitrariamente. Forse è più vecchio lui di quella folla che sabato scorso ha invaso Roma in difesa dei propri diritti.

  226. Ma questo non significa che i giochi a destra siano chiusi, anzi: se qualcosa ci insegna la realtà di questi mesi, in una Europa attraversata da forti tensioni sociali dovute alla Crisi, sono proprio le componenti più regressive e xenofobe ad ottenere ottime affermazioni elettorali.

  227. Già, perché la russofilia di Salvini e Borghezio non è frutto di un semplice calcolo politico ma di una discussione in campo nella Lega da almeno un anno, che ha portato all’apertura dell’Associazione culturale Lombardia-Russia, molto attiva nel promuovere non solo relazioni di quel tipo, ma soprattutto le idee dell’ideologo del neo-eurasismo russo Aleksandr Dugin. Sin dal febbraio 2014, momento dell’avvio ufficiale delle attività dell’associazione, gli scritti di Dugin sono apparsi frequentemente tra i post di lombardia-russia.org e lo studioso è stato ospite d’onore il 4 luglio a una conferenza pubblica organizzata dall’associazione.

  228. REV. SHARPTON:? Well, Paul, that’s true.? But— but let— but let’s be clear, Reagan vetoed— supported veto on bills.? Reagan denounced Mandela, called him names.? Let’s— let us not act that— he evolved after a protest movement here turned the tone and public opinion.? But let’s not act like Reagan was a major supporter of Mandela and the anti-apartheid movement.? It’s just not true.

  229. Si, perché il processo al passato e al presente dellIlva é un processo alla sinistra tutta, avviluppata nella gestione dellIlva-gate e pronta, come sostiene laccusa, a cedere alle richieste del padrone Riva. Sembra quasi un gioco del destino che la Commissione Europea e la Magistratura, nello stesso giorno, prendano ancora una volta in mano una il passato e laltra il presente di una città che é stata abbandonata da tutte le istituzioni, che avrebbero dovuto proteggerla e tirarla fuori dai miasmi asfissianti emessi dalla fabbrica e dalla politica ad essa amica.

  230. Cominciamo subito. Esaminando uno alla volta gli equivoci sopra elencati. Il primo è errore di scala. Nel momento in cui si mette sul tavolo lindipendenza della Scozia si decide il futuro dellInghilterra.

  231. Il 54 per cento degli edifici scolastici italiani si trova in zone ad elevato rischio simico. E non mancano quelle situate in zone a rischio idrogeologico, industriale, vulcanico, in zone ad elevato inquinamento acustico o in presenza di amianto e radon. Quanto basta per non fare stare tranquilli milioni di genitori, alunni e insegnanti che frequentano giornalmente le scuole nostrane. Quattro scuole su dieci presenta uno stato di manutenzione mediocre o pessimo con distacchi di intonaco, lesioni alle pareti, finestre non integre o cavi elettrici volanti. E nei bagni mancano spesso carta igienica, saponi e asciugamani.

  232. Not long after, Michael Peterson—novelist, sometime politician—was charged with the first-degree murder of his wife. Conviction would mean life in prison.

Добавить комментарий

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *

  • монтаж кондиционеров кассетного типа страница

    skw-service.ru